Conclusioni e retroscena

Ysingrinus & Zeus calano la maschera e si raccontano come nessun altro Grande Antico ha mai osato fare prima!

Al Di Là Del Muro Del Sogno

Conclusosi il primo racconto divino scritto a «diversi tentacoli» riteniamo giusto raccontare un po’ di retroscena. Quel pizzico di curiosità che, da Grandi Antichi come siamo, elargiamo per far impazzire l’umanità.

L’origine

Tutto è iniziato su uno dei nostri blog, è venuta voglia di scrivere qualcosa assieme ed abbiamo deciso di concentrarci su una passione comune, il Solitario di Providence. Entusiasti per aver trovato subito questo punto in comune abbiamo svelato le carte e ci siamo detti quale aspetto dei Miti volevamo affrontare. Magicamente volevamo entrambi scrivere qualcosa sui Mi-go, quegli adoraboli ingegneri alieni gamberosi provenienti da Plutone che tanto hanno scosso i nostri animi nella storia Colui che sussurrava nelle tenebre.
Avevamo lo stesso desiderio, non potevamo ignorare un messaggio del genere!

La stesura

Dovevamo ora decidere come muoverci, lo stile da adoperare. Dovevamo usare i nostri stili, differenti però complementari oppure calcare la mano con…

View original post 877 altre parole

Appendice C

Ysingrinus & Zeus. Ormai si sa, gettano appendici come frattaglie, nell’orrore piú assoluto!

Al Di Là Del Muro Del Sogno

Sergente Marvin Smith. Questo è il suo nome. O meglio questo è il nome con cui si è presentato da me. Quella lettera di presentazione era ovviamente falsa.
L’avevo capito subito. Avevo capito anche che il richiamo disciplinare che stava portando per me era falso. Ho preferito far finta di stare al suo gioco. Ho sbagliato. Ho commesso l’errore peggiore della mia vita.
Se avessi ascoltato l’istinto, avrei preso la pistola ed avrei sparato. Certo ora sarei in carcere o chissà, però ci sarebbe stato un barlume di speranza e non la certezza  della morte.
Che venga, che vengano tutti. Non li farò giocare con la mia carcassa senza essermi “divertito” prima io. Loro si aspettano un povero e vecchio poliziotto ormai prossimo alla pensione. Non sanno di trovarsi di fronte ad un vecchio scozzese, solido e resistente come una quercia!
Ricordo, lui si è seduto sulla mia poltrona ed…

View original post 376 altre parole

Capitolo 16

Zeus & Ysingrinus procedono, ma il terrore, insostenibile, li precede. Morti e misteri costellano il loro percorso.

Al Di Là Del Muro Del Sogno

Non sono sicuro di poter descrivere con lucidità quello che è avvenuto nelle settimane successive alla morte del Professor Richmond.
Quando il rito finì, tutto quello che vidi era alla stregua di un sogno. Il sangue sull’erba e il dolore feroce che stringeva la testa come un cerchio, recitavano un’altra versione: quello che era accaduto era vero. Qualcosa, o qualcuno, aveva ucciso il Professor Richmond e, ringrazio Dio per questo, aveva risparmiato me.
Erano settimane che continuavo a ripetermi che ciò che avevo visto, l’essere caprino, il male assoluto, non erano altro che visioni date dalla febbre. Ma intanto continuavo a nascondermi dalla mia stessa ombra.
Dopo due settimane di malessere e un’irrazionale paura, che mi aveva spinto a dormire con i lumi della casa accesi, avevo ripreso a svolgere la mia professione di investigatore. Solo casi di consulenza e nessuna investigazione sul campo. Non ero pronto ad uscire di…

View original post 1.084 altre parole

Capitolo 11

Ysingrinus & Zeus, non paghi degli sforzi comuni insistono e si cimentano con gli spiegoni! Tutto dovrebbe essere chiaro ora, ma cosí non è!

Al Di Là Del Muro Del Sogno

Dopo un primo momento di shock, mi scossi dal mio stato di torpore paralizzante e decisi di agire. Il tempo della reazione era finito con l’aggressione e le nuove scoperte. Adesso dovevamo agire. L’azione, però, era difficile, il terrore aveva preso possesso del mio cuore e, come vidi dal tremore accentuato delle mani, anche il professore ne era soggiogato. La mia reazione lo aveva gettato nello sconforto piú totale: ciò che all’inizio poteva essere spiegato con una curiosa coincidenza, ora era una terrificante certezza. Qualcosa di grande, inimmaginabile dalla mente umana, sembrava muoversi in maniera minacciosa attorno a noi. Poteva essere ancora catalogato sotto “coincidenza” un evento cosí unico e raro come quello che vidi? Dei balordi da quattro soldi, dalla cultura raffazzonata, conoscevano simboli mai visti che erano riportati, e custoditi con cura e timore, in un testo vecchio di secoli. Impossibile. Non poteva essere vero. Ma allo stesso…

View original post 894 altre parole