La doppia identità

Alla metà del 1970 verso la fine della guerra nel Vietnam elicotteri che volano fucili che abbaiano l'onda rossa che ci segue, la marea rossa che ci accoglie famelica e senza bocca voliamo, verso una nuova libertà; voliamo, mascherati sotto false idendità; con un libretto nero nel doppio fondo della valigia e una penna che …

Leggi tutto La doppia identità

Abluzioni

Gocce acide come lacrime di un Poseidone ubriaco in un bicchiere riverse sommerse le mani che sfregano il corpo sgranando preghiere mentre le unghie graffiano incidono la pelle, geroglifici rituali il libro dei morti recitato l'angelo caduto la pozza di ghiaccio il ritorno di colui che purifica e la pioggia che scende lavando mali e …

Leggi tutto Abluzioni

Cosa te ne fai della libertà?

L'avevi chiesto, domandato a gran voce l'hai urlato battendo il pugno sul tavolo il disprezzo e l'agonia quella rivoltante sensazione di apatia anestetizzato da troppi, troppi impulsi radioattivi. La corona che cade i miti che si sfaldano sotto una nuova luce l'incertezza della ragione e l'arroganza della paura dominano, tirando le briglie di una nazione …

Leggi tutto Cosa te ne fai della libertà?

Con artigli d’osso lacero la volta celeste

Dietro palpebre calde e umide di lacrime occhi ciechi si muovono irrequieti domandosi: quanto di quello che vediamo è impresso nelle pupille? L'inevitabilità del fatto unita all'impossibilità dell'azione sono l'humus su cui si fonda la speculazione e la sfiducia si nutre dell'anima e di ogni sinapsi E la lettura delle Sacre Scritture brucia la carne, lasciando …

Leggi tutto Con artigli d’osso lacero la volta celeste

Waitin’

Quando il primo uomo alzò gli occhi vide il cielo. Le nuvole bianche ed una volta azzurra gonfia, come se dovesse partorire. Aspettava. Quando il primo uomo abbassò gli occhi vide il prato. Steli carichi di fiori di madreperla ostriche di terra. Aspettava. Quando il primo uomo guardò l'orizzonte vide il contorno scuro delle montagne. …

Leggi tutto Waitin’