Confessione di una sedicente strega

Nuove anime per i Grandi Antichi. Nuovi riti blasfemi e culti corrotti.
Questa volta è Tersite (a.k.a Francesca) a scoperchiare l’animo umano e tirar fuori l’oscurità.
Iä! Iä!

Al Di Là Del Muro Del Sogno

L’esperta penna di Francesca ci prende per i tentacoli portandoci in un mondo già visto eppure ignoto. Con lei potremo esplorare le insondabili profondità dell’orrore che, oltre il velo, si nasconde e permea la nostra realtà.
Un racconto un po’ particolare, questo, che vedrà però la possibilità di espandersi e diventare piú articolato, esplorando vari aspetti dei Miti, anche quelli piú ignorati, grazie alla prolifica fantasia di Tersite, e a quella di tutti coloro che sanno quanto sia bene e giusto adorare i Grandi Antichi.
Iä! Iä!

Confessione di una sedicente strega

Ho recitato ogni preghiera che mi abbiate insegnato. Mi sono confessata docilmente. Ho reso grazie alla Madre Celeste. Il mio operato senza macchia e la mia obbedienza, il timore di Dio e il mio essere Sua serva, proprio questo mi induce a rinnegare tutto, voi, lui e la vostra Madre Celeste, per accostarmi a ciò che voi…

View original post 1.670 altre parole

Dagli abissi di R’lyeh

I Grandi Antichi battono un colpo ed ecco che Liza risponde.
Il Grande Cthulhu ritorna a vivere in questo disegno, anche se, come sappiamo, non è mai morto!

Iä! Iä! Cthulhu fhtagn!

Al Di Là Del Muro Del Sogno

Ecco una pregevole illustrazione di Lisa, con una pregeveole collaborazione, per ricordarci che non si può mai essere al sicuro in mezzo a tanta putredine!
https://murodelsogno.files.wordpress.com/2017/10/cthulisa.jpg

Tremate e inchinatevi innanzi al potente Cthulhu!

View original post

L’annuncio dei Grandi Antichi

Dopo millenni di torpore, i Grandi Antichi si sono risvegliati e, consapevoli delle potenzialità che questo mondo ha da offrire, hanno deciso di tendere un’appendice non meglio identificata verso i comuni mortali che potrebbero voler condividere l’orrore e la follia che i mondi di dimensioni impossibili celano. Mondi in realtà dietro l’angolo, che solo i …

Leggi tutto L’annuncio dei Grandi Antichi

Memorie senza tempo

I Grandi Antichi sono tornati!
Dopo un periodo di non-sonno, sono si nuovo fra di noi. Incominciate a pregare per la vostra anima, stolti umani. Pregate per la vostra anima.

Al Di Là Del Muro Del Sogno

Ricordo. Qualcosa ora ricordo.
Il buio, il silenzio e poi i canti, quei terribili canti. Una nenia insopportabile, senza fine. Il ritmo ossessivo e sincopato, i tamburi che rimbombavano nel sottosuolo, il ticchettio sordo delle ossa che, freneticamente, seguiva quell’oscena musica aliena che pervadeva l’aria.
Il fuoco! Le fiamme! Il sangue!

***

Ho barlumi sparsi, lampi di memoria sbiaditi. Non riesco ancora a ricordare tutto, alcune parti sono un vuoto senza fine, un’assoluta mancanza di luce e di tempo.
Ricordo il signor Graves, i suoi modi distinti e garbati nonostante la paura.
Sento ancora nelle orecchie la sua voce cordiale, priva di accenti, mentre mi chiede se sono il dottor Charles Devine, ricercatore della Miskatonic University, nonché studioso della civiltà sumera.
Lo ascoltai, mi raccontò la sua storia di spettri, o divinità, non sapeva dirmi con precisione, che perseguitavano la sua vita per mano di una banda di folli sanguinari…

View original post 1.261 altre parole

Capitolo 11

Ysingrinus & Zeus, non paghi degli sforzi comuni insistono e si cimentano con gli spiegoni! Tutto dovrebbe essere chiaro ora, ma cosí non è!

Al Di Là Del Muro Del Sogno

Dopo un primo momento di shock, mi scossi dal mio stato di torpore paralizzante e decisi di agire. Il tempo della reazione era finito con l’aggressione e le nuove scoperte. Adesso dovevamo agire. L’azione, però, era difficile, il terrore aveva preso possesso del mio cuore e, come vidi dal tremore accentuato delle mani, anche il professore ne era soggiogato. La mia reazione lo aveva gettato nello sconforto piú totale: ciò che all’inizio poteva essere spiegato con una curiosa coincidenza, ora era una terrificante certezza. Qualcosa di grande, inimmaginabile dalla mente umana, sembrava muoversi in maniera minacciosa attorno a noi. Poteva essere ancora catalogato sotto “coincidenza” un evento cosí unico e raro come quello che vidi? Dei balordi da quattro soldi, dalla cultura raffazzonata, conoscevano simboli mai visti che erano riportati, e custoditi con cura e timore, in un testo vecchio di secoli. Impossibile. Non poteva essere vero. Ma allo stesso…

View original post 894 altre parole