Infierno – Juicio [2/2]

Quella che avevo scambiato, erroneamente, per ira, in realtà è curiosità. O, almeno, il sentimento più vicino alla curiosità che un giudice ultraterreno possa provare.
“Perché è quaggiù anzitempo.” Mi fermo, sapendo di aver detto un’inesattezza.
Inspiro un po’ d’aria e riordino le idee prima di proseguire “No, Re Minosse, non anzitempo. Troppe anime sono finite quaggiù anzitempo. Quest’anima è arrivata qua per errore, non era destinata a questo luogo.”.
“Spiegami Zeus, dove sarebbe dovuta andare?”
La voce che m’interroga, adesso, è quella di Eaco.
“Doveva restare nel suo corpo ancora un po’ ” rispondo io.
“Un errore?” m’incalza Eaco.
“Un tragico errore” confermo io.
“Σε όλους αυτούς τους αιώνες” Eaco fa una pausa “Δεν έχω δει ποτέ να διασχίζεις αυτά τα σύνορα”.
Non avendo capito la frase del giudice, mi sporgo verso Kore e le chiedo la traduzione. Lei mi risponde in maniera stringata dicendo che è una richiesta strana. Dubito della sua traduzione ma, mi dico, non è così improbabile.
Quando ritorno a guardare lo scranno, è di nuovo Minosse a tenere banco “Se vi lasciamo passare, sarà trasgredire la Regola.”
L’ex sovrano di Creta, allora, fa una pausa teatrale e scortica la pelle di Kore con lo sguardo e le intima “θα πληρώσετε τις συνέπειες”.
Kore rabbrividisce o, così, mi sembra. La Kore spavalda e sicura di sé lascia il posto a una versione che non avevo mai visto: le spalle piegate e il capo chino la rimpiccioliscono di fronte al giudice. Solo il corpo reagisce in questo modo, sono solo le membra umane che si piegano sotto le parole irose di Minosse, lo sguardo, d’altro canto, è fiero e focoso. Le pupille le bruciano di orgoglio e passione.
Quello sguardo, quella forza d’animo è l’artefice di un miracolo.
Kore alza le spalle, le raddrizza e guarda i tre vecchi seduti di fronte a lei con il mento in alto e i capelli che le scendono morbidi sulle spalle. Il petto è fuori e le gambe, leggermente divaricate, sono quelle di un pugile pronto alla lotta.
“των συνεπειών” dice Kore mentre fa un passo in avanti verso i giudici “Θα φροντίσω το πράγμα.”
I tre giudici, ammutoliti da tanta veemenza, guardano Kore affascinati.
“Viaggiatori, vi diamo il benestare a proseguire il vostro viaggio. Le regole dell’Ade sono state infrante, una volta di più, ma questa è una richiesta che non possiamo non esaudire.”.
La voce di Eaco è morbida e non lascia trasparire niente del dubbio precedente.
“Voi passerete e andrete alla ricerca dell’anima del vostro amico”.
“Grazie, Re Eaco” dico io, inchinando leggermente la testa.
“Non ringraziarmi troppo presto, caro Zeus: ci sarà un prezzo da pagare e sarà molto alto. Non posso anticiparti niente, ma lo scoprirai di persona” dice il giudice infernale “Capirai molte cose prima che questo viaggio sarà finito, ma credo che stia incominciando a sospettare qualcosa.“.
Nel mio cuore, anche se non voglio ammetterlo, si stanno facendo largo domande e consapevolezze cui, fino a questo momento, non avevo voluto dare il minimo credito.
Minosse ritorna alla carica ammonendomi sul futuro e su quello che incontrerò da qua in avanti. Nessun essere vivente ha varcato questa soglia da molti, moltissimi anni. Mi annuncia periodi difficili e decisioni complesse.
Mi ricorda che le regole del mondo dell’Ade devono essere rispettate e così, finisce il suo giudizio.
Quando dovrei sentirmi meglio, sollevato dall’aver scampato un pericolo inimmaginabile, sento invece un freddo incredibile nelle ossa. Le gambe mi tremano e mi sembra di avere la febbre.
La mia vita, da adesso in avanti, non sarà più la stessa.
Nel silenzio tombale dell’Ade, la voce di Minosse rimbomba come una granata “Το πεπρωμένο σας είναι σημειωμένο”.
Kore sgrana leggermente gli occhi, ma poi ritrova compostezza e fierezza.
So che il sovrano di Creta non ha finito ed ecco, infatti, un ammonimento per me: “Mentre tu lo scoprirai a tue spese”.
Il sigillo della dannazione. Nella redenzione, visto quello che mi aspetta, non credo.
Eaco riprende la parola e ci augura buon viaggio, ricordando che questa eccezione sarà l’unica e, la prossima volta che ci incontreremo, le nostre anime saranno giudicate esattamente come tutte le altre.
A tempo debito ci incontreremo di nuovo e, così dicendo, sbatte due volte lo scettro sul terreno e apre le porte dell’inferno.
“Grazie” bisbiglio stranito da questa esperienza sovrannaturale.
“Non ringraziarci Zeus, ti abbiamo aperto la porta su una via difficile e tormentata, in cui le lacrime ti accompagneranno come sorelle ritrovate” mi dice Eaco “Davanti a te c’è l’Ade, il regno dei morti, un posto che non ti appartiene, Zeus. Fai tesoro delle mie parole: nell’Ade l’ospitalità non ha lo stesso significato di quello che ha lassù dove brilla il sole.”.
Con quest’ammonimento che mi risuona nelle orecchie, Kore ed io ci mettiamo in cammino verso le praterie degli Asfodeli.

[To Be Continued]

19 pensieri su “Infierno – Juicio [2/2]

      1. Sono trottola di natura, metti un amico all’inferno ( anzi due ) e io non ho più pelle fino alla seconda falange della mano !😱

  1. Mah sai che ti dico? Dopo questi ammonimenti, l’Oste lo avrei lasciato a cavarsela da solo.
    Però, il viaggio si preannuncia ancora intenso di accadimenti, quindi avanti tutta, alla via così! O la va e quando trovo l’Oste, lo spacco.

  2. il viaggio prosegue ma un’oscura minaccia sta il capo di Zeus, Kore sa già cosa l’aspetterà ma Zeus no. Lui non conosce il greco 😀
    Buon viaggio, Zeus e che Minosse te la mandi buona.

    1. La cultura ci salverà… spero. Io non so il greco, quindi direi che spero in un “arriverete tutti felici e contenti a destinazione” 😀 eheh
      Grazie Orso Bianco.

Si!?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...