La poesia dentro John Wick 2

john-wick-2
da web

Vista la pioggia battente, sfrutto la frescura portata dal vento delle montagne per scrivere qualche impressione varia ed eventuale sul nuovo film di Keanu Reeves: John Wick 2.
Quando ho finito di vedere il primo (ovviamente intitolato John Wick) e dopo essermi asciugato la bava ai lati della bocca a causa delle convulsioni, mi son ripromesso: MAI, mai vedrò il secondo capitolo della storia.
Visto che sono una persona incoerente e profondamente masochista, appena ho visto la locandina di John Wick 2 mi son buttato sul film come un maiale nel letame.
La ricompensa?
Un film osceno.
Il primo film aveva ancora un minimo di coerenza (ah ah ah), tanto che la trama, friabile come i biscotti di una nota marca, si sosteneva su alcune basi narrative di un certo rispetto (una macchina rigata? rubata? O una vaccata che concerneva la macchina).
Il secondo film riesce a arieggiare ancora di più la trama e le particelle di storia, che navigano nell’aria zeppa di odore di metano, sono libere di non portare a nulla.
Ed è quello che fanno.
Ma vediamo di riassumere il film in qualche punto, così da evitare di incasinarmi con concetti elevati…

  • Keanu Reeves continua a scegliere film demmerda.
  • Il buon Keanu non brilla di moltissime espressioni, ormai abbiamo imparato a conoscerlo nei suoi film e sappiamo che il suo grugno si sintonizza solo su “faccia da cattivo” e “faccia mezza depressa e con l’espressione di un calamaro che cerca di capire le derivate“.
  • Quel cane recita benissimo. No, non sto parlando dell’attore. Intendo proprio il cane cane.
  • Ho un grosso rispetto per gli amici del canguro (gli attori australiani), ma il loro accento è temibile quando ci si mettono e perciò, per evitare scompensi nella trama, hanno deciso di rendere muta Ruby Rose. L’attrice, che forse avete visto recitare in Orange Is The New Black e nel nuovo capitolo di xXx… fa una figura canina.
  • Capisci che il film sarà una merda quando vedi recitare anche Scamarcio e la Gerini. Va bene tutto il trash, ma un po’ di pietà.
  • L’unica cosa decente del film è l’idea di un punto di quiete al Continental.
  • McShane e Stormare si incontrano dopo aver recitato insieme in American Gods. Stormare, nel ruolo esagerato e fumettoso del mafioso, è perfetto.
  • Le scene di combattimento sono talmente tante da romperti le palle dopo poco. Va bene, è bello quando se le danno di brutto, ma se ogni volta c’è un valzer di mosse di karate, aikido, bushido, sushi e tamaki prima di poter passare alla scena successiva, capite anche voi che l’attenzione media della persona viene attratta dalle notifiche dello smartphone e non sullo svolgimento del film.
  • I film, ormai, non possono più essere girati in un’unica location. Girare una pellicola in una sola città è da sprovveduti, bisogna partire in almeno 2/3 Stati per essere un film serio. Qua si arriva a Roma… e ovviamente quando si parla di Italia cosa si dice? Pizza, Mafia e Mandolino. Perciò ecco il cibo, un po’ di musica e ovviamente la Mafia.
    Poi ci starebbe anche Baffi e Mamma, ma il film non ha la profondità necessaria per arrivare ad essere così esaustivo da trattare tutti i luoghi comuni.
  • Vi rendete conto che è difficile riuscire a tirar fuori qualcosa di decente da un film che per il 90% del tempo è un tira-molla di combattimenti (anche inutili, sia chiaro).

Perché guardare questo film? Perché solo così si capisce quanti dollari sputtanano a Hollywood. Nel primo film hanno investito tanto sull’attore (Keanu Reeves + comparsate di McShane e Stormare), ma il resto era in versione budget. E, vi posso assicurare, che è la cosa migliore in assoluto: spendi poco per ottenere poco.
In questo secondo capitolo, devono aver preso un bel po’ di soldoni e così hanno speso per più comparse (fra cui anche Laurence Fishburne e via dicendo), hanno fatto una sorta di misto fritto con attori importanti e via con la trama inutile. Spesa elevata, risultato alla membro di segugio.
Sono convinto che alla fine delle riprese si son anche dati le pacche sulle spalle a vicenda.

Dialogo:
– Oh, ma hai visto?
Cosa?
– Abbiamo finito il film con largo anticipo!!!
– Già, ma non abbiamo sputtanato abbastanza soldi!! Guarda qua, abbiamo ancora un po’ di budget disponibile!!!
– Ehh, ok, ma adesso che facciamo!?
– Aggiungiamo qualche scena a caso, se no come li giustifichiamo questi soldi? Distruggiamo qualcosa ed il resto lo spendiamo in gin, zoccole e cocaina. Ti va?
– Ma… scusami, non potremmo invece migliorare la trama?
– Ahahahahahahahahahahaha coglione
– Ahahahahahahahahahahah piaciuta la battuta?
– Sei sempre il solito burlone. Vai, dammi il nome dello spacciatore… tu occupati delle zoccole.
– Ma le scene da girare?
– Ahaahahahahahahahhahahah coglione

Che film inutile.
C’è della poesia in tutta questa inutilità.

Annunci

34 Replies to “La poesia dentro John Wick 2”

  1. Non ti daro’ retta
    Non ti daro’ retta
    Non ti daro’ retta
    Non ti daro’ retta
    Non ti daro’ retta
    Non ti daro’ retta
    Non ti daro’ retta
    Non ti daro’ retta

  2. A me Keanu Reeves sta simpatico.
    La maggior parte dei film dove recita no, ma di base mi sta simpatico.
    Escludo A Scanner Darkly tra i film che non mi sono simpatici perché quello sí mi sta simpatico.

  3. Bella recensione 😀 E grande poesia. Sta tutta nello sguardo assente di Keanu Reeves. Che poi… perché scegliere per il protagonista il nome di un deodorante per il bagno? stamani per l’appunto ne ho visto uno alla vaniglia (o roba del genere) e ora mi viene da pensare all’associazione cesso-John Wick. C’è della profondità in tutto questo. Devo assolutamente decidermi a vedere ‘sto film, che nonostante tutte le tue migliori intenzioni vedrò ugualmente. So che vorresti salvare più gente possibile dalla visione di questo immondezzaio, ma che devo dirti, anche io sono un’inguaribile romant.. no, masochista. La storia di Giovanni Stoppino mi attira molto, forse perché spero che riescano a seccarlo. Sarebbe un bel colpo di scena.

    1. Grazie mille! 🙂
      La poesia non è neanche nei dettagli. La poesia sommerge questo film e si fa apprezzare dagli intenditori. La storia di Giovanni Stoppino 2 ti regalerà bel tempo, simpatia e allegria in ogni momento della tua giornata, vedrai. Tu dirai “che giornata demmerda”, guardi il film e dici “stavo meglio nella giornata demmerda” e tutto è bello.
      Non voglio farti spoiler… ma vince sempre lui.
      Ops…. 😀

      1. Ho iniziato a vedere questa… cosa. La cosa più divertente è che nei primi 7 minuti di film traspare tutta l’imbecillaggine dei cattivoni di turno, che lasciano la macchina incriminata bella pronta con le chiavi dentro nel covo… e lui che chiama tipo The ring, “tu hhhai la mia macchina…” e il tizio che risponde con una faccia tipo “che vuole questo pirla?”. Beh, favoloso, e sono nemmeno dieci minuti di film.

      2. Posso dirlo? Tu mi dai delle soddisfazioni 😀 sapevo che avresti apprezzato certi particolari esoterici e soprattutto quella consapevolezza, negli sceneggiatori, di star scrivendo una grossa, enorme, porcata.
        Lo sapevano e sono andati avanti duri e puri.

      3. Loro sapevano benissimo, si vede, si sono sforzati di rendere il cattivo un demente. Certo, Stoppino così avrebbe avuto gioco facile. E poi aspetta, perché è inarrestabile e ammazza la gente con una matita? “Quest’uomo ha un obiettivo”. Ok, io ho l’obiettivo di diventare alta bionda e con gli occhi azzurri, vuoi vedere che la mia aspettativa rimarrà un po’ frustrata?

      4. Ehehehehehehehe. L’aspetto matita è da tenere in considerazione. Tu non hai capito che è il modo elegante per dire: uccide più la penna che la spada.
        Sono degli elegantoni loro.
        Anche io volevo diventare milionario, ma continuo a rimanere povero in canna.

      5. Dovremmo imparare a cavare occhi con le matite, magari miglioriamo. Oppure recitare come un piatto della Richard-Ginori, non so ancora decidermi sul da farsi.

      6. Io se non sto attendo al lavoro, quando mi cala la palpebra, rischi di sfilarmi l’occhio con la penna… ma non penso valga.
        O recitare con un piatto della R-G in faccia, come fa Giovanni!

      7. Giovanni è un maestro. Il suo primo primissimo piano è un raro esempio di “ma è un fermo immagine o mi s’è impallato il computer?” . Qualcosa di veramente poco drammatico, qui l’unica cosa drammatica è la recitazione. Ma che ci può fare, lui poraccio ha un obiettivo… recitare con i piatti in faccia.

      8. Ma sai che vorrei leggermi una tua recensione. Anche quella breve del Gazzettino, così da potermi beare del tuo parere 😀 eheheh.
        Che poi, Giovanni ha proprio la faccia impallata su “clessidra rotante” per tutto il tempo.

      9. La clessidra rotante. Ora ho capito, è la Microsoft che vuole questi film, Stoppino è perfetto per rappresentare la lentezza di Windows 10!

      10. Quando mi sono resa conto che per aprire una cartella ci volevano tre quarti d’ora ho deciso che era troppo persino per il mio masochismo… poi continuo a vedere film demmerda eh… Sono una persona coerente, che ci posso fare

      11. Io uso windows, guardo film demmerda e continuo ad andare in bici anche sotto 37 gradi all’ombra.
        Direi che in fatto di masochismo non me la racconta nessuno ahahah

  4. Non ho ancora visto questo secondo capitolo ma il primo film di John Wick l’avevo apprezzato di certo non per la trama ma per la sua messa in scena.
    Comunque hai aperto un argomento interessantissimo: Hollywood ha sempre fame di soldi e il più delle volte il successo di certe pellicole per creare sequel non necessari e sfornare soldi. Tanti bei film unici sono stati rovinati da questa cosa (adesso mi viene in mente Pirati dei Caraibi che con il quinto capitolo hanno toccato il fondo). Purtroppo preferiscono non rischiare e guadagnare da queste pellicole invece di rischiare.

    1. Prima di tutto, ciao Butcher.
      Benvenuto.
      Grazie per il commento e condivido una cosa: negli Studios preferiscono la pappa pronta, piuttosto che rischiare. Pensa solo alla quantità di film tratti da fumetti o, peggio ancora, i remake/reboot etc etc

      1. In questo periodo stanno andando avanti grazie ai cinecomic e io in parte sono felice che vengano fatte pellicole sui supereroi che da piccolo mi piacevano ma sono anche infastidito perché noto che non c’è libertà creativa in questo momento (tralasciando perle come possono essere i Guardiani della Galassia o Logan). Ad esempio molti film Marvel mi sembrano diretti dalla stessa persona. Non riuscirei a distinguere il regista di Thor con quello di Capitan America per quanto sono spiccicati.

        Per quanto riguarda i remake e i reboot dico solo: ma fateli su progetti con belle idee che non sono state sfruttate. Non fate remake di capolavori. Sono riusciti a fare il remake di Ben-Hur. Ben-Hur! Ma ce ne era bisogno? Ok che anche il film di William Wyler era il remake di altri film, ma era perfetto così com’era. E infatti il remake del 2016 è stato un fallimento.
        Devono fare remake su film interessanti che però non hanno sfruttato delle buone idee di base.

      2. Concordo. Ci sono alcuni di questi cinecomic che valgono (ho appena visto Logan, mi è piaciuto anche i Guardiani…), il resto è inutile.
        I remake li fanno male, anche perché cercano di ringiovanire e rendere appetibili film “classici” e lo fanno anche male.

  5. Volevo giusto avvisarti, l’ho visto, e c’è un bel po’ di materiale su cui ragionare. Ci stiamo lavorando. Una roba veramente oscena, mi ha fatto pensare a Gerald Butler e ai suoi grugniti.

    1. Oh, questa è una buona notizia.
      Hai visto? Il Neo triste con il nulla intorno!!
      Che cose belle… e la mossa migliore è stata l’australiana zittita e messa a fare i segni.

      1. La mossa migliore poco ma sicuro, considerando che il resto del cast non capisco come sia stato scelto… Ho avuto l’intelligenza di vedere la versione in lingua originale e sarei curiosa di vedere quella con il doppiaggio italiano, memore di come sia stata “tradotta” tutta ‘sta fiera del luogo comune

      2. Ovvio che il film va visto in versione originale, non si scherza neanche con la traduzione! eheh. Il resto del cast è stato scelto a dadi e con quelli liberi da altri flmoni di gruppo tipo The Expendables o Fast & Furious.

Si!?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...