Music Wizard (182)

Piove ed è martedì grasso.
Se fossi un blogger simpatico, direi che è tutto grasso che cola. Ma sono un blogger serio che non indulge in certe battute di bass(issim)a lega.
Lavorare di martedì grasso significa essere immersi nel nulla più assoluto (la gente pensa a festeggiare, mangiare bomboloni e travestirsi).
A proposito di travestimenti. Sotto casa mia ci sono persone che non hanno ancora capito quando è carnevale o meno. Ma forse sono io che interpreto male il loro outfit. Non mi fermo a chiedere informazioni per due motivi che, per i più, saranno logici:
– non mi interessa particolarmente sapere le motivazioni del loro travestimento fuori settimana di Carnevale.
– non vorrei essere fermato dalla polizia mentre chiedo informazioni sulla suddetta discrepanza temporale. Pensate all’imbarazzo.
Buonasera Zeus. Cosa sta facendo?
Guardi, agente, stavo chiedendo informazioni a questa persona sul suo abbigliamento.
Mi crede scemo?
No, non direi. Ma sto effettivamente chiedendo il perché di tale travestimento quando siamo in (mettete mese a caso).
Ma ci è o ci fa?
Giuro che non sto facendo niente di male. Sto chiedendo informazioni alla signora con la voce baritonale e profonda.
Ha bevuto, per caso?
No. Perché? Stavo rientrando a casa in macchina, ho visto che era vestita in maniera appariscente e mi son chiesto “forse è carnevale in altro posto del mondo?” e così mi sono fermato.
Secondo me lei ha bevuto. Non ha visto che, oltre al vestito sgargiante, la voce baritonale, la signora ha anche la barba.
Barba?

Come potete vedere ci sarebbe dell’imbarazzo solo a chiedere informazioni su usi e costumi di paesi diversi.
Se mi volete accoltellare e tirare pesci solo perché faccio battute su signori sul marciapiede travestite da signore, accomodatevi.

(da web)
Sia chiaro, l’immagine di Conchita Wurst è unicamente esemplificativa della parodia qua sopra. (da web)

Forse forse dovevo guardare meglio.
Comunque sia questa è la popolazione che impreziosisce i dintorni di casa mia.
Ma chi sono io per giudicare, quando gli dei del mio Olimpo si divertono a mutare forme e colori a loro piacimento? Come disse Ulisse: Nessuno.

Arriviamo alla parte musicale.
Visto che è Carnevale (scritto in grande per rispetto) e che ci vuole qualcosa per arrivare a sera, vi propongo gli Airbourne. Avete presente la copia giovane degli AC/DC? Sì? Bene, gli Airbourne sono proprio la copia giovane degli AC/DC. Canzoni tutte uguali nel corso del CD, rock’n’roll sporco, sudato, gridato e zeppo di adrenalina, voce strozzata e alcolizzata e molto molto groove.

Annunci

15 Replies to “Music Wizard (182)”

  1. Bugiardo. Vai a chiedere alle ragazze se sono apparecchiate e qui ti fingi uno serio…
    Comunque almeno ti imbatti in gente “eccentrica” (va beh si fa per dire), dove vivo io non vedi manco gli abitanti, certe volte penso di vivere in un paese fantasma e ti dirò che non è male. Comunque volevo scrivere un post in cui dico che odio Carnevale (pure l’anno scorso) per farlo sapere a tutti, ma mi risparmio la fatica e te lo dico in confidenza: odio il Carnevale.
    Gli ACDC non mi piacciono molto, salvo un pezzo che passano sempre su Virgin Radio (ma non ricordo il titolo). Però più tardi ascolto il gruppo che hai postato!

    1. Sono esterrefatto. Come fingermi serio!? Io SONO serio! 😀 eheheh.
      Comunque non è che mi imbatto, sono loro che passeggiano sul marciapiede della strada che porta a casa mia. Non posso farci niente, neanche se prendo vie diverse.
      Anche io, quando abitavo in paese, mi chiedevo la stessa cosa: ma c’è qualcuno qua? E la risposta, NO, mi confortava.
      Grazie per la confidenza 😀 😛
      Gli AC/DC piacciono perché sono sempre uguali… o non piacciono per lo stesso motivo. Gli Airbourne sono la versione moderna ti dirò… ma sono energici.

      1. La tua serietà è proverbiale, sì! : D
        Ho ascoltato e in effetti la somiglianza si nota. Gli acdc boh, più che altro ogni volta che c’è una cover band che suona pezzi rock mette loro, sempre… E che palle, suonate altro ogni tanto. I paesini sono piacevoli per quel motivo, il problema è quando vai in “centro”, lì qualche anima si trova… Mi capita di andare al mercato quella volta ogni tre anni… E ti giuro che ci metto mesi per ripigliarmi.

      2. Infatti è un proverbio, anche se non so quale 😀
        In effetti fra AC/DC e Metallica e Guns c’è di che morire dentro (scusa, anche Deep Purple con Smoke On The Water) quando si ascoltano le cover band.
        Io mi stupivo sempre di una cosa: quando andavo in centro in paese, verso le 14/15, in un giorno d’estate… penso che avrei trovato più gente nel deserto in un giorno qualsiasi! 😀

      3. Ahah è vero, pure smoke on the water. Che poi magari la volta in cui non aspetti altro che suonino la solita canzone perché alla fine ti piace… Non la fanno. Mi è capitato diverse volte, una tristezza. Ah, d’estate qui è deserto, che poi pure io faccio parte dei fantasmi perché nel “centro” non ci metto quasi mai piede.

      4. Io temo sempre le canzoni che mi piacciono, perché il 90% delle volte le storpiano. I gruppi cover, poi, non li ascolto mai. Mi spiego meglio va: loro suonano e io, nella mia testa, vado con l’originale ahah

Si!?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...