The Incredible Jukebox (160)

Centosessanta consigli dopo (sentitelo bene: 160 consigli!!) eccomi ancora qua.
Domenica, quasi mezzogiorno, tempo grigio e fresco, campionato di calcio che sta procedendo (per chi lo segue, ovvio), quasi Halloweeeeeeen e quasi novembre. In altri termini, un grande quasi.
E io, nei quasi, ci sguazzo come un Kraken nell’oceano. Perché i quasi sono l’equivalente linguistico della zona grigia legislativa, del confine fra due Stati etc etc. Nei quasi c’è tutto: il grande passato, il presente e il potenziale futuro.
Se li guardi bene, nei quasi non c’è niente, in realtà.
Non c’è passato, visto che il passato esclude di principio qualunque quasi. Non c’è presente, perché nell’attimo stesso in cui pensi “presente”, questo è già passato e rientra comunque nella categoria esclusa. Non c’è futuro perché il quasi è insensibile ai programmi ed è la castrazione assoluta dei programmi futuri.
Non c’è futuro nei quasi. Come nei se.

Perciò per festeggiare questa giornata di quasi novembre, di quasi inverno, di quasi vacanza, di quasi riposo e di quasi lavoro, non si può che scegliere una canzone da mettere nello stereo e appiccare fuoco alle casse con il ritmo.
La musica non ammette il quasi. Non lo ammette perché se no non la sentireste nelle casse. Sarebbe quasi registrata, quasi eseguita, quasi cantata… in altri termini, non sarebbe musica che state ascoltando e neanche musica che hanno in mente. La musica è passato, perché registrata, e futuro.

Ma, diciamocelo, voi non leggete questo blog per grandi pippe mentali (e neanche per altro suppongo). Probabilmente non lo leggete neanche questo blog, ma fate come me che connetto il cervello una riga sì e una no.
Questo fattore lo trovate in ogni mio articolo: una riga ha senso, la seconda no.
Chissà perché.

Comunque sia ecco la canzone di oggi. Quella che dovete sentirvi per rendere la vita e la domenica un posto meno gramo. Perché la domenica è, per definizione, un quasi: quasi vacanza e quasi lavoro. E se il primo quasi è allettante, il secondo è una badilata nelle balle.

Ed eccovi i Boozed con Tight Pants. 

Sempre musica nuova… a parte quando la ripeto.

Annunci

27 Replies to “The Incredible Jukebox (160)”

Si!?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...