Un chilo di stronzate. Due chili di stronzate… Olympus Has Fallen

Olympus Has Fallen (tradotto in italiano con Attacco al Potere) ha una grandissima particolarità: rientra in ben due categorie cinematografiche.
Quali? Il disaster-movie (nel senso proprio di film disastroso) e l’action movie. OHF, lo riduco a sigla questo film, riesce in maniera mirabile ad entrare in tutte e due e ruzzolarci dentro come un maialotto nel fango. Per l’occasione, e per aumentare il carico rognoso di merdazza filmistica, hanno anche chiamato una serie di star a far da ciliegina sul merdaio. Mi sono quasi commosso. Quasi.
Visto la fortunata serie di recensioni a puntoni (fortunata non per i risultati di lettura, ma proprio perché ho avuto fortuna a mettere insieme quattro punti), continuo così e non penso troppo alle particolarità di una trama risibile (le trame risibili abbondano nei piatti dei cinesi) e episodi da sanguinamento gengivale.
Lo dico subito, perché sono quasi sicuro di pestare il merdone mentre scrivo: ATTENZIONE BOILER!!!

  1. L’inizio con catastrofe è telefonato. Potevo immaginarlo io leggendo i titoli iniziali, figurati il regista. E poi, scusatemi, perché pagate un cachet a Ashley Judd quando potevate prendere la prima tizia che passava fuori dalla porta e farle fare la parte della moglie del Presidente degli Stati Uniti. Ashley Judd, ormai gonfia come un canotto, recita per sì e no 5 minuti e poi saluta, bacia i bambini e si dirige verso il Paradiso delle Recitazioni da Cani.
  2. Sono commosso dalla fratellanza fra Aaron Eckhart e Gerard Butler. La sottotrama gay poteva starci. Giuro.
  3. Gerard Butler è un mix fra un blocco di granito e Bruce Willis ultima maniera. Fa battute che non fanno ridere, fa il macho che non fa macho ed è sboccato alla cazzo di cane.
  4. Ritorno sulla questione Aaron Eckhart: mi ricordo l’attore che recitava in Thank You For Smoking. Adesso, il nostro biondo americano, deve essere entrato nel Consiglio Nazionale delle Facce di Marmo. Il numero di espressioni fornite da Eckhart nel corso del film sono due!
  5. Nei film americani, come è ormai noto, i ragazzi sono degli sfascia-palle che: a) devono morire; b) irritano per tutto il corso del film; c) sono super-intelligenti e rientrano a gran voce nei punti a) e b).
  6. Le motivazioni per gli attacchi sono sempre le più stravanti. Nella mia perversione filmistica sto sognando la seguente: un tizio aspetta il bus, questo passa ma lui sta guardando altro. Il tizio perde il bus, si dispera e si incazza, ma riesce a leggere la marca. Facendo delle ricerche su internet, scopre che la marca è [aggiungi Paese a caso] e si serve di pezzi provenienti da [aggiungi secondo Paese a caso]. Distrutto dalla notizia, prende armi e bagagli e attacca il Secondo Paese a caso. Una trama che fornisce emozioni importanti.
  7. Quando vengono attaccati, gli americani si rivelano dei babbi di minchia… almeno finché non arriva l’eroe. L’eroe, però, è un babbo di minchia a prescindere.
  8. La scena della caduta della bandiera americana dalla White House è una delle cose più stucchevoli, ributtanti e ignobili viste su pellicola – dopo la recitazione di certi struzzi da set. Spero vivamente che il regista abbia detto: “tu [indicando un barbone ubriaco fuori dal set]! Dirigi questa scena! Ho del Tavernello!”. Ho la sensazione che anche il barbone si sia vergognato a farla.
  9. Gli attaccanti, dopo un periodo da Q.I superiore alla media, diventano improvvisamente degli IDIOTI. Il Q.I dei nemici subisce un progressivo impoverimento con il passare dei secondi del film. Iniziano in forma smagliante e poi sono così idioti da non riuscire a mettere insieme neanche un piano decente. Ah, nella seconda metà del film i nemici muoiono come mosche… mentre prima non venivano toccati neanche a sparargli a bruciapelo.
  10. I proiettili non finiscono. A parte l’eroe che è sempre ansimante e a corto di proiettili.
  11. Abolirei l’uso del kung-fu/arti marziali nei film d’azione. La soluzione migliore sarebbero confronti alla cazzo di cane, così, tanto per tirar lunga la trama (la scelta di Indiana Jones, pistola contro pose da fighetto, è sempre la migliore… anche se in quel caso la scelta non è stata per divertimento/sceneggiatura/effetto scenico… ma per colpa della dissenteria della troupe).
  12. Morgan Freeman, a volte, fa parte di cast improponibili. Devono avergli dato tanti soldi. O c’era.. ok, avete capito.
  13. Dylan McDermott (quello della prima serie di American Horror History per intenderci) cambia fazione a cazzo di cane… e poi è un pusillanime. Merita di morire. E muore. Ma va? Non l’avrei mai detto.
  14. Questo film è, praticamente, il festival della salsiccia bavarese. Per evitare che qualsiasi donna si metta a guardare questo film, gli sceneggiatori hanno pensato bene di fare due cose:
    1) uccidere Ashley Judd subito. Via la “topa”, via la concorrenza.
    2) pestare come un tappeto uno dei segretari (donna)… penso Segretario di Stato o simile. La tengono in vita unicamente per evitare l’accusa di maschilismo.
    c) Non ci devono essere curve nella trama… tutto deve essere piatto… perciò via le tette che rovinano l’aspettativa di botte inutili che piacciono tanto al redneck ignorante.
  15. Per rendere il film ancora più prelibato, nel finale il regista avrebbe dovuto mettere la scena della caduta della bandiera in rewind e far vedere che sale nel cielo. Quelle cose belle che si vedono nei film di serie Z diretti da alieni.

Cosa posso dire oltre di questo film? Una prelibatezza. Una primizia. Una merda fetida MA… con una bella spruzzata di olio di sesamo, arachidi e prezzemolo. La cipolla è a parte. Che cosa terribile. Volete guardarlo? Spegnate il cervello e ve lo gustate perfettamente.
Come ho fatto a finirlo? Sono masochista e poi dovevo cercare argomenti per rimpinzare sto blog che sta soffocando nel niente.

Annunci

64 Replies to “Un chilo di stronzate. Due chili di stronzate… Olympus Has Fallen”

    1. Indiana Jones ha reso celebre una scena… Io non sapevo che la scelta spada contro pistola era dettata dalla dissenteria, ma è stata una grande scelta eheheh.

      1. A questo punto non posso che ringraziarti per l’avvertimento e vedere in te non solo un dio giusto, ma anche misericordioso! Pensare che ti dipingi più stronzo di solito!

      2. Ma oggi è venerdì e c’è un weekend lungo che copre anche il lunedì… il mio nemico naturale eheh.
        Sono misericordioso… ma ti chiedo comunque: hai visto Billions?

      3. macché, la prima puntata e poi sono naufragato tra altre serie e la dannata nuova mania dei disegni. è ora ricomincia pure il trono di spade! sarà durissima!

      1. Ahahah! Attenzione che martedì dovrei uscire con un cane che fa grandi cose. Sembra incredibile ma c’è sempre un filo del discorso che ci unisce.

  1. Sei andato in un crescendo incredibile. Al paradiso delle recitazioni da cani credevo avessi fatto il massimo ed invece sei andato sempre aumentando! Il finale con la bandiera che risale sarebbe stato sicuramente magnifico!

    1. Sai che non lo so… Denzel Washington che fa Denzel Washington è un po’ noioso… mi farebbe piacere che recitasse qualcosa d’altro… che ne so… un TJ Hooker a caso, ecco.

      1. Eh, sto coniando il termine: Geriatric Movie.
        Gli over 60 si mettono a fare i film d’azione con tanto di Voltaren e brodo di pollo per tenerli in piedi fra una scena e l’altra.

      1. Il termine era “cederti” (dannato correttore automatico del cellulare!),ma sei sempre stato bravo… Sei te che fai finta di non esserlo…

  2. Ok, ho visto sia il primo che il seguito… posso affermare che il secondo è ancora più ignorante del primo! C’è pure il presidente del consiglio italiano che muore di una morte orribile mentre sta con l’amante di 30 anni più giovane in cima a una chiesa…
    La cosa più bella però fu che quando venni trascin… andai a vedere il seguito trovai una truzzona atomica dietro di me nella fila alla biglietteria, intenta a discutere della possibilità di assistere a cotanto spettacolo. Cos’era che la rendeva dubbiosa? lei non aveva visto Olympus has fallen, per cui aveva paura di non capire niente di Olympus has fallen 2 – London has fallen. Come darle torto… Olympus has fallen aveva una trama intricatissima 😀

    1. Ahhhh, non ho visto il secondo. Dannazione. Una pecca sul mio ruolino di marcia dei film beceri.
      Comunque ammetto che discutere dell trama di OHF (si, lo abbrevio perché scriverlo tutto è una tortura) è da pazzi. Non penso di aver visto una trama… cioè, non c’era una trama… ma ho cercato tutto il film di capire il significato profondo di questa pellicola.
      Non ho trovato un significato profondo. Strano vero?
      Adesso mi hai messo la scimmia per il 2…

      1. Dai ma che significato profondo vuoi che ci sia 😀 il tizio prende a manate tutti, il tizio salva l’altro tizio, figo ma non abbastanza da uscirne senza bisogno dell’altro tizio, pagato per essere figo (oh, Gerald Butler credo sia stata l’unica ragione per cui continuo a vedere questa serie e per cui pretendo un terzo film) e prendere gente a manate… Guardalo e mi dirai, poi tu hai anche visto il primo, per cui non avrai alcun problema a seguire il filo della complicatissima trama (la tizia mi ha sconvolto, me ne rendo conto). Vedrai, è becerissimo!

      2. Grande, il becerissimo finale mi ha rimesso in pace con il mondo.
        Ma io non cerco trama in questi film.. mi ostino a volerla per masochismo personale… e così posso divertirmi ad affondarli. Ma io, nei film così, voglio la sospensione dell’incredulità, voglio il nonsense, voglio le battute sbagliate al momento sbagliato e, soprattutto, voglio i morti che saltano in giro come cerbiatti.
        Tieni conto che io, modestamente eh, ho apprezzato anche i Mercenari! ehehe

      3. Solo la tizia cercava una trama temo… a me bastava Butler, ma anche l’Idra sul tetto della Casa Bianca mi ha emozionato, per non parlare di quando sparano le esche o come cavolo si chiamano quei cosi che ingannano i missili a ricerca di calore… vabbé, piacciono pure a me 😀 non perderti il due perché c’è la battuta più truzza di Butler, una roba tipo “sono fatto di bourbon e cattive scelte”. Più figo di così! c’è anche la sosia della Merkel e non ti dico che fine fa!!
        Ahaha devo rimediare coi Mercenari! non l’ho mai visto ma potrebbe meritare

      4. Battute brutte, sosia terribili e via dicendo? Mi hai conquistato! ahahahah. Comunque l’Idra era stupenda, aveva il suo perché. Tifavo per quel cannone!
        Non hai mai visto i Mercenari? Oddio, qua sto male ahahah. Quella è poesia. Artrite, voltaren, zuppe di pollo, battute sbagliate ma che fanno ridere, facce gonfie, botulino, botte, sangue, esplosioni e tutto il meglio degli anni 80. Cosa vuoi di più? La scena di Sly che corre dietro l’aereo, nel primo, è epica… sembra un vecchio bisonte bolso e zoppo che corre. E, ti giuro, quando si aggrappa all’aereo, beh, senti male per lui… perché sai che si è fatto un dolore cane ahahah

      5. La Merkel non è la sola, ma forse è la più somigliante… e questo film forse è veramente più truzzo, Butler raggiunge alti livelli di sboronaggine, livelli che non posso descrivere a sufficienza. E dopo la tua, di descrizione, non posso che vedere I mercenari 😀 dopo Contagious con Schwarzy che fa il padre di famiglia in un mondo di zombie, mi ci manca giusto questo! non saranno grandi attori, ma hanno una faccia di bronzo che li rende assolutamente deliziosi 🙂

      6. Ahahahaha… ottimo ottimo. Tu apprezzi Butler per meriti extra-recitativi 😀 appena lo recupero (non dico come), me lo guardo.
        Secondo me merita. Anzi, meritano tutti i film dei Mercenari, crepi l’avarizia. Anche dove c’è Van Damme merita… “come uccidere una persona nella maniera più idiota possibile” potrebbe essere il sottotitolo al suo personaggio.
        Sai che, un tempo, il buon Gintoki e il sottoscritto avevamo fatto una selezione delle migliori facce di bronzo del cinema? Due puntatone di goduria “marmo facciale” 😀

      7. Io amo la Scozia e non posso non amare anche Butler, è un fatto di amore per un paese, non solo perché è indubbiamente un figaccione assurdo – ok, al 90% è per quello.
        Recupererò tutti i Mercenari e sicuramente anche altra robina interessante… di Van Damme di recente ho visto The legionary, in casa facevamo il toto-chi-viene-seccato-prima (nessuno lo aveva ancora visto) e io facevo il tifo per il tizio che faceva vedere a tutti la foto della fidanzata… che film memorabile 😀 che dialoghi! sono sicuramente cose da recuperare… e mi leggerei volentieri anche tutti i pezzi sulle facce di bronzo 🙂

      8. Bella la Scozia. Bella veramente. Io mi son messo a ridere, non per la Scozia, né per Butler, ma per il ruolo di Ashley Judd. Inutile. Ma forse sono io che pretendevo un po’ di signore nel film. Cocciuto.
        Recupera recupera, che fa sempre bene al morale. Io il toto lo vinco spesso: punto sul nero, senza nome, che muore all’improvviso (succede in 3/4 dei film che c’è un nero che muore così, senza preavviso… ormai è un gran classico. Come il “ci vediamo dopo” e il tizio muore).
        Se cerchi sul mio blog “facce di bronzo” (???) o simili li trovi.

      9. La povera Ashley ha dovuto interpretare il nucleo di una follia/dipendenza da motivare in qualche maniera… suvvia, sei il presidentO allora visto che la moglie è morta così, ti affidiamo al tuo migliore amico così tutti moriranno intorno come mosche e voi due potrete dedicarvi ai festini quando tornerete a casa. Logico 😀 certo, un po’ triste, ma insomma, l’avranno fatto per dare (inutilmente) spessore drammatico al tutto, e cosa c’è di meglio che seccare una brava madre di famiglia?
        Sul toto-morto potrei scommetterci e vincerci dei soldi 😀 il nero senza nome è un classico… veramente! o il tizio che fa il proclama con la musica classica sullo sfondo e gli viene portata via la testa con un oggetto contundente random…

      10. Ah, ma tu hai cercato anche l’aspetto dello “spessore drammatico”? Di solito in questi film almeno la belloccia sopravvive, aumenta sempre lo share. ehehe. Peccato un’occasione persa. Anche perché, di solito, la belloccia o sopravvive contro ogni probabilità (in tutti i film horror la belloccia sopravvive nonostante ferite che metterebbero KO un monaco Shaolin) o viene giustiziata dopo aver detto una frase idiota.
        Il tizio che fa il proclama è un grandissimo evergreen!! Ahahah.. me l’ero dimenticato. Dannazione.
        E quello che viene crivellato di colpi e ha ancora la forza (la sua unica battuta, muta per altro) di aprire la bocca, boccheggiare come un pesce rosso fuori dall’acqua, fare lo sguardo penoso e morire? Stupendo.

Si!?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...