Consigli Musicali Non Richiesti 127

Oggi c’è solo un pezzo che mi viene in mente, non so perché.
Ho la sensazione che l’effetto che produce su di me sia quello di cui ho bisogno… e no, non ha niente a che fare con la visione degli ABBATH al concerto di una settimana fa. O forse sì, sarà che il crabwalk fa ancora ridere dopo tutti questi anni. Quello che voglio dire è che la visione degli Abbath, mi ha fatto venire in mente gli Immortal (ma va? banalità a go-go) e con loro ecco il brano.
Secondo me ci sta di mattina, non so perché. Secondo me Beyond The North Waves è la canzone giusta per la mattina. Non è estrema nel senso convenzionale del termine e inizia con quelle sonorità effettate, lunghe, quasi languide prima di partire in mid-tempo.
Questa canzone si adatta bene al freddo esterno, al vento gelido che si infila sotto il bavero della giacca e ti fa lacrimare. Senti tutto il potere del vero metallo nordico che ti percuote le reni e ti fa alzare sui pedali e dire “Vaffanculo, non possono piegarmi! Non oggi! Non adesso! Un giorno cadrò in ginocchio, un giorno forse cederò terreno, ma non oggi. Non in questa mattina. E voi, stronzi, che pensate che io mi ritirerò, che vi lascerò passare indisturbati, sappiate che siete nel torto. Qua trovate un monte da scalare, un muro da abbattere, un mare da navigare.”
Questo… o solo un “cazzo, devo arrivare presto al lavoro se no mi ghiaccio la discedenza”.
Che fra le due è più probabile. Ma fortuna che oggi è domenica e io non devo pedalare più veloce del vento gelido e del freddo pungente.
Oggi posso guardare fuori dalla finestra e dire: Oggi fa caldo.

Annunci

22 Replies to “Consigli Musicali Non Richiesti 127”

  1. Per fortuna che oggi è domenica e io sono in clinica con un raffreddore pazzesco, la febbre e 20 ricoverati da guardare.
    Non so se arrivo vivo a stasera, nel dubbio…è stato un piacere conoscerti Zeus 😀

    1. Orco, direi che in quanto a salute dai i punti a tutti.
      Se riesci imboscati e fai finta di essere una dei ricoverati 😀 forse qualcuno ha pietà e ti cura anche a te 🙂
      So che ritornerai 😀

      1. Sono davvero un disastro. Comunque è stato gatto Scimmietta ad attaccarmi il raffreddore, sono due giorni che mi starnutisce in faccia (una bella immagine, sissi).
        Eh mi sa che farò così, altrimenti non arrivo viva alle sette di questa sera 😦

      2. Il gatto-scimmia è terribile… me lo ricordo dai Simpsons… no, quelle erano le scimmie con le ali 😀
        Direi che è meglio… ti siedi e ti fai una bella flebo, così, in simpatia…

      3. Gatto scimmietta è molto simpatico. Ha le orecchie grandi e sembra una scimmietta. Mangia prendendo in cibo con le zampette e se lo porta in bocca, una cima nel suo campo.

        Mi faccio un tachiflu endovena.

  2. Ho la patch di questo album sulla mia battlejacket, grandissima band che si è trasformata in non so che cosa.

    Servants of… our great ancestors
    Who guarded the gates… to infinity
    Once kings of shadows
    On these blackened fields
    All might and domination
    Ruled the realm of the above

    1. Gli Immortal sono grandi, Abbath mi fa morire… il suo alcolismo molesto lo rende divertente e ignorante quanto basta (lo dico con affetto).
      Il servizio fotografico degli Abbath a Londra è qualcosa di spassoso.
      Gli Immortal, invece, erano una band con i controcazzi.

      1. A parte di alcolismo modesto devi vedere la foto pubblicata su Zero Tollerance per l’intervista dedicatagli, gurda vorrei fare una foto e spedirtela perchè fa solamente ridere per il contesto. Gli Old Immortal rimangono una colonna portnate per il black metal o come amavano definirsi loro Holocaust Metal.

      2. Dovrei cercarla ‘sta foto. Abbath è un minchione (detto sempre con affetto). Le facce e il crabwalk del concerto con i Behemoth mi hanno strappato un sorriso ahaha.
        Decisamente, gli Immortal sono un gruppo cardine (non so se arrivi fino a At The Heart Of Winter come Old Immortal… per me è un disco stupendo. Meno black, se vogliamo, e con più influenze thrash teteske, ma una bomba).

      3. Si gli Immortal hanno gradualmente incorporato il thrash metal nel loro sound, dove il massimo con questa nuova sfumatora lo toccano con il tanto celebre Sons Of Northern Darkness. Mi è sempre piaciuto quell’album.

Si!?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...