Ed alla fine arrivò Adonis – CREED

Volevo scrivere questa recensione già ieri, ma avevo i coglioni girati e perciò non mi venivano le parole. Oggi ci ritento e vediamo cosa ne esce.
Alla fine mi sono guardato Creed, il nuovo capitolo della lunga saga di Rocky “The Italian Stallion” Balboa. L’ho approcciato con quella diffidenza che solo un nuovo sequel può fornirmi e questo significa: faccia sintonizzata su labbra corrucciate, sopracciglio alzato, pollice&indice che massaggiano la barba sul mento e un grande “beh, Rocky I era meglio” in mente. Prima di vederlo, ovvio.
Non sapendo scrivere recensioni cinematografiche, mi tocca tornare a fare considerazioni punto su punto e questo significa che:
– troverete un tripudio di banalità;
– sottolineo senza pudore il banale.

ATTENZIONE BOILER

Vorrei partire dal fondo e dire che, in fondo, CREED non è un brutto film. Pensavo peggio, ma non è così. Soprattutto perché Stallone smette di salire sul palco e si limita a fare quello che deve fare: il vecchio rompicazzo. Ci mancava la puntata ai cantieri e sarebbe stato perfetto.
– Il protagonista, Adonis Creed (all’inizio si fa chiamare Johnson), è enorme. Ci sono momenti in cui anche io, come spettatore, dico “ma vaffanculo, quanto grosso è? Come cazzo fa?!” e mi chiedo come mai i sollevamenti che faccio, dal pacchetto di patatine alla bocca, non portino gli stessi risultati. Considerazione finale: si dopa, ‘sto stronzo.
Rocky Balboa, come detto, è finalmente un vecchio dimmerda. Ha gli occhiali, capelli bianchi, fisico ciondolante e sguardo paralizzato. Ah, no, l’ultimo è marca di fabbrica di Sly. C’è inquietudine nel sentirlo parlare in inglese, sembra ci sia rimasto dopo una bella sventola. Povera bestia. Comunque nel suo essere protagonista-non protagonista è credibile.
– I bastardi giocano sul facile mettendo l’elemento emozionale dentro il film: rincorrere la gallina è sempre un bello spettacolo.
– Ormai i film di Rocky sono un tripudio di disabilità/malattie varie… anche in questo Creed non mancano un paio di rogne, giusto per guardarti, sorridere e dire: vuoi vedere che cadrai anche te, brutto spettatore di merda? Cedi cedi, vedrai.
– Quando ho visto la madre di Adonis Creed (interpretata dall’attrice Phylicia Rashad) mi è venuto un colpo: cazzo, ho sbagliato film e mi sto guardando una versione zeppa di brodo di pollo, Voltaren, borsa dell’acqua calda, dentiere basculanti e roipnol de I Robinson.
– I combattimenti, due di numero, sono intensi e fatti molto bene. Il primo dura il tempo di un mio rutto, il secondo è il classico duello alla Rocky: lungo, pieno di pacche da paura, sangue, discorsi motivazionali che servirebbero a me quando sono all’angolo e ancora botte da orbi.
– Nel combattimento finale mancava solo una cosa: Adriaaaaaaanaaaaaaaaa!!!!!!
Sylvester Stallone ciondola, ma, cazzo, è riuscito a dare un tocco credibile al film. Non avrei mai pensato di arrivare a dire una cosa del genere…
– La ragazza di Adonis Creed ha la stessa importanza, nel film, dell’uomo del pollo fuori dai locali di junkfood.
– La ragazza di Adonis Creed, che punta a far vedere alle donne che ci sono anche loro nel mondo duro della boxe, ha il ruolo di Adrianaaaaaaaaaaaaaaaa…. solo che non si capisce fino a quando si legge una critica intelligente. Un’altra, ovvio, non la mia.
– Per un secondo, un secondo solo, speravo di vedere Adonis Creed prendere a pugni un quarto di bue congelato.
– Per un secondo, un secondo solo, ho sperato di non vedere la scalinata classica di Rocky. Quando l’ho vista mi son detto “ok, dovevano mettarla…“.
– La trama è sempre la stessa: parti dal basso per arrivare in alto. Ma l’alto non è dove crede lo spettatore.

FINE ATTENZIONE BOILER!

Alla fine, bisogna dirlo, CREED è un buon film. Si lascia vedere, si fa piacere, cita a più riprese tutti i protagonisti passati della serie Rocky e fa vedere la gallina. Una sorta di film nuovo con album delle fotografie in allegato. La cosa non è neanche male, potrebbe tranquillamente portare ad un nuovo film: CREED II.

Vi lascio con il trailer del film… ma la voce in italiano di Rocky non rende… in inglese è molto più da vecchio dimmerda.

Annunci

27 Replies to “Ed alla fine arrivò Adonis – CREED”

  1. Ti dirò mi incuriosiva ma non tanto da vederlo al cinema. Sai cosa penso? Che come per Star Warz si è voluto rifare una specie di reboot, almeno questa è l’impressione che ho leggendo la tua recenzione.
    La storia è quella e collaudata, però i protagonisti sono ugualmente diversi.

    1. La storia è collaudata e funziona. Secondo me potrebbe benissimo essere un lancio per un Creed II sai? Possono creare una nuova saga con il buon Sly che fa il vecchio rompicazzo ma saggio.
      Non ho visto il nuovo Star Wars, perciò non so dire… dovrò vederlo, prima o poi… forse…

  2. Creed II si farà… Notizia venuta fuori prima dell’uscita del film in Italia… I poteri del franchising sono poteri mica solo a parole…
    E poi non è vero che non sai scrivere recensioni,ma tanto lo so che non riuscirò mai a convincerti del contrario…

  3. diciamo che neanche questo sia proprio il mio genere… ma le tue recensioni sono come le ciliegie… una tira l’altra…
    hai provato con le patatine puff? sono piu pesanti, magari fanno piu effetto! 😀

      1. Troppo gentile.
        Aspetta di vedere tutto il resto… cambierai presto idea.
        Tieni a portata di mano il tasto “cancella follow”

Si!?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...