Una sera a cena…

Mi ritrovo un paio di minuti fra le mani e non so cosa farne, allora scrivo. Scrivo perché è la cosa più naturale dopo ascoltare musica (check – i Rotting Christ girano fieri nelle casse) e respirare. Scrivo perché devo svuotare il cervello da tante cose e allora butto giù parole, spesso a caso, ma sono parole che fanno spazio a pensieri più formati.
Sull’onda di questo momento, noto il post della mia cara amica Cineclan (che riprende un post del bravo Lapinsù) a proposito di giochi natalizi e inviti a cena. Posso esimermi? No. Non posso.
Perciò incomincio questo giochetto. Bisogna elencare sette personaggi cinematografici (motivando la ragione dell’invito) e poi creare un menù ad hoc. Io e la mia ignoranza cinematografica andiamo a nozze.

State organizzando una cena e potete invitare sette personaggi tratti dai film.

Chi invitate? 
Perché?
E cosa gli fate mangiare? 

MACHETE (Machete)
Perché scegliere Machete? Perché mi fa ridere, mi diverte e una cena con una sana dose di ignoranza è quello che serve. Parlare forbito è bello, ma una cena con i fiocchi si ha quando c’è l’ignorantone che prende il centro della scena e ti fa ribaltare dalle risate.

MIA WALLACE (Pulp Fiction)
Una festival della salsiccia è sempre un deterrente assoluto per una cena. Ecco il perché bisogna tirar dentro anche una bella signora (e de dio se Uma Thurman non rientra in questa categoria) per rendere la cosa più intrigante… e Mia Wallace è tutto fuorché un personaggio anonimo. Balla e tira su cocaina come il miglior aspirapolvere sul mercato. Praticamente un party vivente.

TONY D’AMATO (Ogni Maledetta Domenica)

Un personaggio d’altri tempi, uno di quelli che la vita l’ha vissuta, la masticata e poi ne è stato sputato fuori. Ma è un leone e si rialza sempre. Uno che beve, va a puttane ma piange al telefono perché ha mandato a puttane la famiglia. Nonostante questo, uno che ha qualcosa da dire… e non è da tutti.

GEORGE BEST (Best)
La cena non la voglio noiosa… ed ecco che entra il personaggio cinematografico meno cinematografico in assoluto: George Best. Uno che ha interpretato la sua vita come un film e che il film, in realtà, ha fatto sembrare quasi tranquilla. Uno che, a cena, sarebbe di compagnia. Così li voglio: cazzari, ubriaconi e simpatici. E poi porta donne.

HENRY “INDIANA” JONES Jr. (Indiana Jones)
Chi non vorrebbe avere Indiana Jones al proprio tavolo? Ok, l’ho già detto altre volte che il personaggio di Indy mi ha sempre esaltato. Non chiedetemi perché… ma è così. Al tavolo, oltre a signore e ubriaconi, ci vuole anche un pizzico di cultura e avventura. E Indiana Jones porta tutto questo. Oltre al semifreddo di cervello di scimmia.

CHRIS COLE & EMILY POULE (Rockstar)
Ci vuole anche un po’ di sanissimo metal in una serata… ed ecco che il buon Chris Poule e consorte provvedono a questo. Non riuscirei a concepire una serata senza musica… se poi ci mettete che si porta Emily al fianco e probabilmente fanno casino per cinque, allora siamo ok anche sul versante divertimento.

CHARLOTTE (Lost In Translation)
Solo perché mi piace averla ad una cena ahahahah.

ED ECCO LA CENA: 

ANTIPASTO:
Partiamo con i gamberetti con la salsa rosa (non è detto che la cena sia di pesce) perché voglio che qualcuno, più ignorante degli altri, tiri fuori la vecchia battuta dei Blues Brothers. Il vero punto di chiusura dell’antipasto.

PRIMO PIATTO: 
Pappardelle al cinghiale. Come detto prima, non ho voglia di pensare ad un vero menù, perciò metto quello che mi capita. Le pappardelle al cinghiale sono un vero must e mettono d’accordo tutti, anche i vegetariani/vegani. Come? Lasciano la loro porzione ai carnivori e sono tutti contenti. Mi sembra giusto.

SECONDO PIATTO:
Il cervo al forno sarà il vero protagonista della cena. Un piatto di carne abbondante e ricco di gusto, perché la selvaggina sa regalare molto se cucinata a dovere. E poi con tutto l’alcool che girerà a causa dei personaggi invitati, qualcosa che fa da spugna ci vuole.

DOLCE:
Non sono un grande appassionato di dolci, lo ammetto. Per me le cene possono tranquillamente finire dopo il secondo. Ma visto che mi hanno costretto (moralmente) a fare tutto il menù, ecco che come dolce ci sta una Sacher Torte. Se devo morire, muoio con la consapevolezza che ho mangiato una bomba.

E così finisce la cena.
Volete partecipare? Scrivete anche voi i vostri 7 personaggi cinematografici e le portate… Anche se mi sono appena accorto che potevo inserire anche Frank Drebin (Una Pallottola Spuntata) come personaggio outsider. Dannazione.

Annunci

18 Replies to “Una sera a cena…”

  1. Posso essere invitata anch’io a questa cena? *-* Hai invitato Best… BEST! ❤
    Il cervo al forno te lo lascio pure,posso avere due porzioni di gamberetti in salsa rosa?
    Anche se…sto immaginando di unire i nostri invitati… Quella sì che sarebbe una cena!XD

  2. Ottime scelte!!!!
    Soprattutto la Scarlett che ci sta sempre bene!!!
    Anche i piatti non sono male. Il cervo arrosto non l-ho mai mangiato e mi sa proprio che devo provarlo!!!!

    PS
    AUGURIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

Si!?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...