Consigli Musicali Non Richiesti 113 (Alert Alert Alert Alert)

Sto ancora sognando di poter scrivere un vero articolo con i controcazzi.
Giuro.
Vorrei scrivere qualcosa di perfetto, di definitivo. Ma l’unica cosa che mi esce dalle dita è un rutto formato bit. Cosa che, a dirla tutta, si adatta perfettamente all’andamento decrescente di questo blog.
Un blog, questo (lo ribadisco), concepito come la perla nell’occhio del ciclone e finito come un ciclone nell’occhio della perla.
O forse mi perdo seguendo perle per uragani.
Ho l’articolo in mente, così almeno ho il culo parato dalle eventuali critiche che mirano ad affermare che “il mio blog fa cagare“. Cosa che posso sottoscrivere per il 25% del 30% della falsità dell’affermazione.
Percentuali che farebbero invidia alla BCE. E al mio conto in banca.
Soprattutto al mio conto in banca.

Se ci pensate: cosa fa di un blog un grande blog?
I contenuti, direte voi. Puttanate, direi io. Se i contenuti fossero veramente importanti, ci sarebbero molti più professionisti-giornalisti-opinionisti seri che ruttomani blogger.
La forma, direte voi. Puttanate, direi io. Questo lo dico solo per fare un buon mix con il precedente. Non ha un senso logico e artistico?

Vorrei precisare che X-mesi fa avevo annunciato al mondo “Soundtrack Of The Day sta deragliando, torno a parlare di musica con Consigli Musicali Non Richiesti“. Sono un cazzaro.

La vera e unica chance per un blogger professionista è quella di gettarsi su ben tre vie:

– FOOD
– STYLE
– PORN

La classica tripletta: cibo-vestiti-tette.

In non ben specificato ordine.
Perché se guardiamo bene, il food-blogger è ormai il nuovo porn-blogger. Esaminare le ricette, guardare gli ingredienti, vedere il mestolo che mestola la salsa è un po’ come vedere il nuovo porno digitale. E non vorrei mettere inquietanti vicinanze fra zucchine e pornostar varie. Diciamo tiramisù e Jenna Jameson. Ecco. Un mix che potrebbe suonare ironico.
Il terzo è il vestiario. Ormai un po’ tutti si divertono a fare i style-blogger, o anche i beauty-blogger, e mi vesto meglio io quando sono in preda ad una sbronza atomica. Giuro. E non mi sbronzo da una vita.
Solo per dire eh.

Devo cambiare rotta al mio blog. Sono un po’ come l’iceberg che aspetta il Titanic, diventerò famoso mio malgrado.
Per i motivi sbagliati, ovvio. Solo per i motivi sbagliati.

Se siete arrivati a questo punto, potete anche ascoltarvi i CROWN. Le parole che dite non sono le vostre. Ricordatevelo quando citate a membro di segugio qualcuno.

13 pensieri su “Consigli Musicali Non Richiesti 113 (Alert Alert Alert Alert)

    1. Un rutto diverso…. e poi cantaci sopra melodie che subito ti vengono in mente.
      Già. La mia è una pirla nel ciclone.
      Ma penso che la metofora più corretta sia: sono l’iceberg che aspetta il Titanic.

    1. I Crown non sono male. Mi piacciono. Hanno un ritmo da fattoni.
      Le mie osservazioni sono basilari, secondo me rimangono solo proclami. Ma lo dico io… e mi contraddico spesso.

Si!?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...