And i need… rehab

Long day lay me low. lay me low. head burning drunk. I don't need none that's right man I'm fine but what I've got to know, is have I wasted time? My eyes are blind to almost everything you see. and I'm drowning through sorrow - you recognize me - be me for a change …

Leggi tutto And i need… rehab

Annunci

La semplicità di un discorso perfetto

Tante parole riassunte in 4 minuti e 23 secondi. Forse ho già postato il discorso, ma non mi interessa. Perché ci sono momenti che ci vuole un discorso come questo. Il carisma del leader. L'energia di chi, con solo le parole, infonde attitudine e voglia di portare a termine il proprio compito. Ascoltatelo, non sentitelo. …

Leggi tutto La semplicità di un discorso perfetto

Consigli Musicali Non Richiesti (107)

Ci sono momenti in cui le tue certezze vengono scosse, ma la tua incrollabile fede metallica riesce ad assicurarti al terreno. Quali sono questi momenti? Quando Daisy Duck, nel mezzo di una camminata finalizzata a portare a spasso e stancare la sua cana (la ben che abbaiante Signorina Knopf), incomincia a deridere i nomi dei gruppi …

Leggi tutto Consigli Musicali Non Richiesti (107)

Ter-ter-ter-terminator Genisys… butta la pasta che porto un film di merda

Ho pubblicato 600 articoli dal lontano 2013 (cristo, troppi!) e non ho ancora imparato a scegliere i film. Sono un vero cane quando mi ci metto. Ieri avevo iniziato a guardicchiarmi Tomorrowland (sì, film della Disney) e poi ho visto che c'era Terminator Genisys. Mi sono tremate le vene dei polsi e anche i reni. …

Leggi tutto Ter-ter-ter-terminator Genisys… butta la pasta che porto un film di merda

Capitolo 9

Zeus & Ysingrinus, come abili narratori, gettano nella prostrazione piú assoluta lo sventurato protagonista.
La storia potrà mai avere un lieto fine?

Al Di Là Del Muro Del Sogno

Il laudano nella tasca era una magra consolazione. La mente, provata dalle notti insonni, era un turbinio di pensieri che non sarei riuscito a fermare con facilità. Sentivo sopra il mio capo il peso della vergogna ed ero conscio del percorso che stava prendendo il mio ragionamento: autocompatimento.
L’indagine era ad un punto morto e l’unico indizio rilevante, la foresta, emanava un terrore ancestrale. Mi ritrovai ben presto a girovagare, meditabondo, per le vie di Arkham.
Quando ritrovai la calma e maggiore lucidità mentale, constatai l’inesattezza delle mie precedenti considerazioni. Gli indizi raccolti fino a quel momento erano molti solo che, a tutti gli effetti, non avevano punti di collegamento fra di loro.
Forse solo infrangendo il flusso del ragionamento razionale si sarebbe potuto trovare un collegamento fra queste porzioni di scoperte. Solo cosí avrei potuto avere risposta ad alcuni dei quesiti che mi tormentavano in quel maledetto pomeriggio. Perché…

View original post 684 altre parole