Il viaggiatore

Quanta strada hai fatto?
Quanto polvere sui tuoi stivali?
Riposati, viaggiatore.
Alza la coppa e bevi fino a dimenticare.

Quanti soli hai visto?
Quante terre hai raccolto e messo nel taschino?
Riposati, viaggiatore.
Alza la coppa e bevi fino a dimenticare.

L’aria è rarefatta anche da dove vieni?
L’acqua scorre così fredda e lucente?
Riposati, viaggiatore.
Serviti alla nostra mensa e mangia fino alla sazietà.

Quanti dubbi ti sei lasciato alle spalle?
Quanta rabbia hai seppellito sotto le pietre?
Riposati, viaggiatore.
Serviti alla nostra mensa e mangia fino alla sazietà.

Quanti amori hai visto sfiorire?
Quanti amori hai coltivato fra le mani chiuse?
Riposati, viaggiatore.
Sdraiati su letto e dormi fino alla ripresa.

Quante opinioni hai sentito?
Quante offese hai sopportato?
Riposati, viaggiatore.
Sdraiati sul letto e dormi fino alla ripresa.

Quante vite hai tolto?
Quante vite hai fatto nascere?
Riposati, viaggiatore.
Un occhio aperto durante la notte.
Un orecchio vigile, nel silenzio e nell’oscurità.
La mano pronta, l’attitudine guardinga
Un’arma sotto il cuscino?
Il libro dei Salmi sul comodino?
Forse un lume timido?
Viaggiatore, tu sarai anche stanco e contrito
Sarai anche debole e chiedi asilo
Ma noi sappiamo cosa hai fatto
e non dimentichiamo.

E non dimenticheremo mai.
Perciò, viaggiatore.
Bevi.
Mangia.
Riposati.
Muori.

Annunci

22 Replies to “Il viaggiatore”

Si!?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...