Appunti di viaggio – Slovenia

Anche questo post, come il fortunatissimo precedente (nel senso che son stato fortunato a scriverlo), sarà breve e conciso. Dritto al punto. Anzi, sarà composto da punti proprio per rispettare il titolo: Appunti di viaggio. Non vorrei dire, ma lo scrivere per punti ha anche la sua comodità... per esempio mi permette di non pensare …

Annunci

Considerazioni festivaliere – ovvero sia: Milking The Beer Guy

Dopo anni e anni che non partecipavo ad un festival metal, ecco le considerazioni in merito al viaggio e al festival. Sono considerazioni random, talmente random che probabilmente non tutte sono mie. - Ogni baracchino lurido con i Würstel può produrre carne di maiale e solfati, ma solo quelli più brutali e cattivi riescono a …

Capitolo 5

Zeus & Ysingrinus ce la mettono tutta. Tra arredamenti d’interni e tracce di zoologia, la storia prosegue nell’incertezza piú assoluta. Niente è come sembra, c’è forse qualche amico a questo mondo?

Al Di Là Del Muro Del Sogno

Quando mi svegliai ero disteso sul divano di casa mia. Ancora adesso non ho la minima idea di come fossi riuscito a tornare nel mio appartamento, ma immagino che qualcuno, preso da pietà, mi abbia trovato e riportato all’ovile.
Quello che avevo visto era vero? Quell’ombra era tangibile e reale come questo divano?
Il mio corpo sembrava reagire in maniera autonoma a queste terribili domande, facendomi piegare fra nauseanti conati di vomito e lacrime cocenti. Con la fronte attaccata alla ceramica bianca del bagno, cercavo di ristabilire un contatto con la realtà fisica della casa. Sotto le ginocchia sentivo il tappetto marrone di fattura scadente, mi aggrappavo a quello strappandone ampi ciuffi di pelo. Sentivo lo stomaco torcersi in nuovi e dolorosi spasmi, ma mi sforzavo di calmare la nausea. La pelle sembrava inerte, quasi anestetizzata, tanto che dalla testa ai piedi il corpo sembrava freddo come quello di un cadavere.
Mi raggomitolai in posizione fetale, abbracciando le ginocchia e stringendo gli occhi fino a farmi male alle…

View original post 440 altre parole

Capitolo 4

Arrivo in ritardo… ma il terrore ed il mistero non diminuiscono di potenza.

L’orrore avanza sempre piú tangibile, anche se ancora non si riesce a toccar con mano l’origine dell’incubo.
Ci riusciranno Ysingrinus e Zeus? Riuscirete voi, da morti, a svegliarvi nella città di R’lyeh sotto all’oceano?
Cthulhu vi osserva!

Al Di Là Del Muro Del Sogno

I guai cominciarono subito dopo. Sulla soglia di casa mia, in una pozza di sangue giaceva inerte il cane dei vicini. Il ventre squarciato, le interiora arrotolate attorno al collo… un’immagine disgustosa. Impossibile nessuno si fosse accorto di niente.
Cosa dovevo fare?
Nascondere la bestiola e pulire il piú rapidamente possibile oppure portare il cadavere ai legittimi proprietari, proponendomi magari di indagare sul crimine? Erano entrambe soluzioni pericolose, ed ora mi rendo conto assurde, non si può mai sapere come possano reagire i proprietari dei cani.
Mentre prendevo in considerazione le eventuali possibilità, vidi con la coda dell’occhio una figura fuggire via. Era ovvio che il cane doveva essere stato messo lí da poco, non poteva passare inosservato uno scempio del genere! Avrei dovuto pensarci prima, mi sarei dovuto guardare intorno invece di perdere tempo pensando a cosa potevo dire ai padroni dell’animale.
Mi misi all’inseguimento della figura, mi sembrava di averla già vista prima ma, non riuscendo a vederla in faccia non riuscivo a riconoscerla né a capire dove avessi potuto…

View original post 158 altre parole

Preparativi da festival

Mercoledì 19 agosto 2015: il giorno prima della partenza. A quest'ora, domani, dovrei già essere in pieno territorio asburgico alla volta di un festival metal di tre giorni. Questo significa che oggi sto cercando di trovare boxer puliti e tutto l'occorrente per riuscire ad arrivare in fondo al weekend in sembianze umane. Evito inutili problemi …

Il viaggiatore

Quanta strada hai fatto? Quanto polvere sui tuoi stivali? Riposati, viaggiatore. Alza la coppa e bevi fino a dimenticare. Quanti soli hai visto? Quante terre hai raccolto e messo nel taschino? Riposati, viaggiatore. Alza la coppa e bevi fino a dimenticare. L'aria è rarefatta anche da dove vieni? L'acqua scorre così fredda e lucente? Riposati, …