Sepulnation

Ovvero sia: l’arte di rivalutare una band che, in passato, ti aveva deluso in maniera profonda. 

L’ultima volta, che poi stiamo parlando di 10 anni fa (!), avevo visto la compagnia cantante degli In Flames e Sepultura in quel di Treviso.

Gli In Flames erano appena usciti con una doppietta di album che mi avevano lasciato la lingua tappezzata di erbacce (Reroute To Remains del 2002 e Soundtrack To Your Escape del 2004 sono album di una band diversa dagli In Flames) e i Sepultura aveva sparato fuori tre dischi inutili come Against, Nation e Roorback. Ecco. Tu vedi il tour e ti deprimi. E io mi sono andato in crisi esistenziale. Per 10 anni.

Cazzo i Sepultura!

A parte che venerdì sono entrato in versione svarionata più del solito. Sarà che ho mangiato pesante a pranzo, ma

Per intenditori (da web)

non capivo una fava già dalla prima serata. Ho detto anche più stronzate del solito… e vi posso assicurare che il solito comporta un numero tendente all’infinito di quella pregiata materia di cui sono fatti i sogni.

Approcciare un nuovo tour dei Sepultura è stato un grosso azzardo. Ecco perché mangio Kebab prima dei concerti, così quando salto come una scimmia sotto attacco epilettico posso sempre uscirne vincitore. Soprattutto quando finalmente mi calmo ed il sudore, copioso visto il club stra-pieno, mi lascia addosso una spessa patina dall’acre odore di carne arrosto, verdure e yoghurt. A leccarmi un braccio, chiudendo gli occhi, avreste avuto flashback da Istanbul.
Solo per dire eh.

Dicevo? Ah sì, cazzo i Sepultura!

Che poi in apertura vengo assordato dalla band di supporto, che neanche mi piace. Avrei voluto tirarle una scarpa nella più grande tradizione diplomatica sovietica, ma non avevo cuore di lanciare una scarpa pregiata fatta a mano (ah ah) in condizioni di lavoro oneste (ah ah) contro una band che suda sul palco. No. Perciò cerco di rimanere in piedi e non svirgolare.
Perché svirgolare è il male.
Come smadonnare. No, quello forse no.
Ma ci sono più teorie che si confrontano in materia.

E poi entrano loro. E io sentivo che c’era qualcosa che non andava. No, non era il kebab. Era il fatto che c’era qualcosa nelle mie aspettative che sarebbe stato disatteso: il disappunto. Ecco. Ero così concentrato sul disappunto che il piacere di vedermi i Sepultura dal vivo era al secondo posto.
Infatti l’hanno sentito anche loro (l’odore di Kebab o il disappunto?) e hanno sgranato fuori delle granate di canzoni. Una mitragliata nelle palle sarebbe stata meno dolorosa per tutte le mie giunture. Tenendo conto che il giorno dopo mi sarei alzato con le braccia in preda ai sintomi di una cervicale disgustosa. Comunque se inizi un concerto e poi incominci a buttar giù pezzi da Chaos AD, beh, il mio voto ce l’hai.
Fanculo al disappunto.
E con abile mossa da flashback eccomi nella versione scimmia epilettica che salta. Cristo che salti. Che scapocciate. Che urla… Perché non ti senti (e non è solo lo spazio il posto dove puoi gridare senza farti sentire… provate voi a gridare mentre la band di fronte sta macinando note su note a volumi incredibili!) ma l’urlo che ti esce, insieme a cascate di bava da disappunto mancato, è quello primordiale.
E salti.
E smadonni.

Perché ce ne vuole di coraggio per proporre un brano come Choke…. che fa cagare anche dal vivo e in un’ottima serata.

Perché si dice: Cazzo, i Sepultura!
Ma si pensano agli album fino al 1996. In effetti ne hanno fatti  7 (senza contare i live etc) dopo l’abbandona di quel panzone rastamanno brasiliano di Max Cavalera. Cazzo, lo detesto per come è diventato. Mi sarei mangiato un piatto di letame con cipolla, funghetti sott’olio e prezzemolo piuttosto che vederlo grasso, bolso e senza voce a capo dei Soulfly.

E tu dici… Cazzo, i Sepultura!
Cazzo, i Sepultura!
Cazzo, i Sepultura!
Cazzo, i Sepultura!

Mi sarei mangiato un bel piattone di merda fritta con patatine e rosmarino se il disappunto avesse vinto e me ne fossi rimasto a casa a far gara di rutti con il procione che vive sul balcone di fronte.

* Sono scurrile. Mi scusino tutti quelli che… ma va… non fate le suorine*

Visto che sono propenso a farVI del male, oggi invece di un consiglio degno di questo nome, vi piazzo il pezzo loffio, così potete pensare: ecco, si è bruciato il cervello.

Annunci

42 Replies to “Sepulnation”

Si!?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...