Soundtrack of the day (58)

Penso che questa colonna sonora si sposi bene con un testo che ho scritto qualche giorno fa (potete trovarlo, se avete voglia, cliccando su RIGOR MORTIS). Penso sia una questione ambientale o solo di sensazioni, ma i NILE riescono a prenderti e trascinarti a forza in un mondo in cui antico Egitto e i culti deviati di Chtulhu sono ancora vivi e vegeti. Il fatto è che per riuscire a trasmettere l’orrore bisogna utilizzare una musica estrema (estrema nelle lyrics, nella composizione musicale o nella sensazione che produce sull’ascoltatore – pensiamo solo all’opera dei Goblin e la loro musica capace di tirarti un pugno in faccia quando guardi un horror). La musica estrema è anche questo, farti scivolare dentro un livello di “coscienza” diverso.
Non sto parlando di viaggioni mentali forniti da sostanza più o meno leciti, ma quando metti un CD nel tuo Hi-Fi (o sull’ipod) e ti isoli per la durata della canzone, ecco che avviene il miracolo. Smetti di essere nel presente e vieni gettato nella canzone. Questo, per me, è il passaggio più bello, il momento in cui un semplice brano ha la capacità di estraniarti e renderti tutt’uno con esso. Liberarsi dalla morsa di quello che si ha da fare adesso ed immergersi anima e corpo nelle parole, nelle ritmiche e nelle melodie di quello che si sta ascoltando.

Per questo la colonna sonora di oggi è fornita dai NILE e la canzone prescelta è 4th Arra of Dagon.
Buon ascolto.

Si!?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...