Fuori dalla folla

Ci tengono a descriverti. A metterti nell’angolino o nella casella del conosciuto. Sperano che descrivendo a parole qualcosa che sei, che farai, sei più maneggevole, più manovrabile. Forse perfino indifendibile. Perchè descriverti ed ingabbiarti significa limitarti e cercare di spezzarti le gambe, metterti delle catene virtuali affinché tu non possa emergere. Rientrare nel conosciuto. Nel “normale”.
Questo incasellarti, etichettarti, lo fanno soprattutto quando non ti conoscono. Quando sei un qualcosa di sfuggente rispetto alla normalità, loro ti prendono, ti mettono la cornice intorno al tuo “io” e poi ti rispediscono nel Grande Anonimato.
Non sei niente di nessuno.
Non sei niente finché qualcuno non decide che vali.
Non hai valore.
Non vali niente finché qualcuno non ti apprezza.
Non hai apprezzamento.
Non sei apprezzato finché qualcuno non conta su di te.
Non sei affidabile.
Non vieni ritenuto affidabile finché qualcuno non garantisce per te.

Sei uno della massa, l’hai capito?! Potrebbero scambiarti il viso, ma tanto il corpo, grigio, te l’hanno disegnato loro. Loro chi? Loro, gli altri da te. Coloro che non ti parlano, ti giudicano. Coloro che non ridono con te, ma di te. Coloro che non sono arroganti, sono solo spaventati.

Noi non siamo come gli altri. Fanculo.
E sì, probabilmente ci sono errori… ma sentivo l’urgenza di scrivere. E non ho voglia di rileggere, mi annoio da solo.

Annunci

10 Replies to “Fuori dalla folla”

Si!?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...