Lunedì mattina

Ogni giorno può essere catalogato come lunedì mattina, ma c’è un giorno che può fregiarsi, a pieno titolo, di questa nomea: il lunedì mattina stesso.
Cosa c’è di più fastidioso, irritante, stordente (etc etc) che alzarsi dal tepore delle coperte e scoprire che il weekend è finito e si torna al lavoro?
Assumendo che la maggior parte di voi ami in maniera viscerale il lavoro che fa, mi rivolgo a quelli che preferirebbero spararsi su un piede che mettersi in strada e percorrere la Via Crucis verso la propria postazione lavorativa.
A voi mi rivolgo perché sentite quell’ondata di acido che si ripropone alla bocca dello stomaco e vi fa incominciare la giornata così nervosi da rendere mansueto un “pitbull che lecca il proprio piscio dalle ortiche” (cit.).
Questa mattina ho provato a darmi dei punti, una scaletta su come muovermi ed interagire con il mondo. Ho provato a fornirmi una road map esistenziale. Fallendo come i tentativi americani di mettere pace fra palestinesi ed israeliani.
Ma diciamo che ci ho tentato, dai.
– Mi son detto, ok, tirata via la pratica doccia, ci rendiamo presentabile e poi colazione – CHECK.
– Procediamo spediti a piedi verso il lavoro (stima di oltre 5Km di percorso…) – CHECK
– Guardiamo il mondo con occhio nuovo e ringraziamo Satana e Cpt. Findus che c’è il sole – FAILED (ammetto che non è colpa mia, sono partito con il sole per arrivare a metà percorso con un forte rannuvolamento che mi ha fatto tirar due porchi).
– Visto che è ottobre sarà fresco (deduzioni ardite, come vedere… sono un fine pensatore), perciò incominciamo a vestirci di conseguenza e non più come un giovane figlio dei fiori – FAILED (anche qua non per colpa mia. Siamo in ottobre, ci sono le montagne e c’era un’afa che sembrava di stare in un acquario. Arrivato al lavoro avevo l’ascella che piangeva).
– Quando entri in ufficio, e fai il lavoro che faccio io (sì, sono pianista in un bordello, va bene?!), speri sempre che, accendendo il PC ci siano mail varie ed eventuali… qualcosa che testimoni l’interesse della gente per la tua attività! – FAILED (sembra strano, e lo so che lo stete pensando, ma non mi hanno cagato per tutto il weekend – e poi si chiedono perchè parto al lunedì con un grugno da Huruk-hai con il mal di denti).
– Visto che la partenza era stata preceduta dal saluto al sole e le varie posizioni del fiore di loto, del fiore di cactus etc etc, allora sono partito con la sicumera del giovane rampante; cosa significa?! Che sono andato via senza ombrello – FAILED (guardo fuori dalla finestra e capisco che saranno porchi e madonne per arrivare a casa e non bagnarsi).
– La sera ti guardi allo specchio e ti dici: “stai tranquillo Zeus, il male al collo passa… sei giovane e di forte costituzione” – FAILED (il male al collo è rimasto, stampandomi un bel dito medio sul coppino, e si è aggiunto anche un fastidio al ginocchio). In questo caso posso anche andare su un DOPPIO FAILED visto che questo malessere è dovuto anche al tempo di merda che sta agitando le acque fuori dalla finestra del mio ufficio.

Vi rendete conto che, ad adesso, siamo ad un livello di due pro e una carrettata di contro?!
E non è ancora finita la giornata!!!!

E devo ancora decidermi cosa fare da pranzo, cosa che tormenterà i miei pensieri fino al momento in cui alzerò il culo dalla sedia e mi dirigo, mesto mesto, verso casa.

Annunci

70 Replies to “Lunedì mattina”

      1. La road map. Non si fa, nonnònnò!
        Anche io sono inquieta, l’angoscia inizia già la domenica mattina quando mi sveglio. Ma cerco di non pensarci e di non esternare la frase “domani è lunedì, porco schifo” fino almeno la domenica sera……….
        ti capisco e ti sono vicino. haha

      2. Tu inizi presto… una cosa inquietante.
        Io parto alle 17 della domenica, sembro settato con orologio atomico.
        Ah, logico, non uso “porco schifo” io… 😀

      3. Sì, inizio presto perchè ho una deformazione professionale per la negatività. U_U
        Porco schifo è un pò copyrighttato, ci sono anche le varianti “porco schifo cane” o il meglio gettonato “schifo sauro”.

      4. Non preoccuparti, qua di positivo trovi ben poco 😀

        Comunque son delle declinazioni troppo buone queste, io sono molto più gretto… :D… non ci si dovrebbe vantare, lo so…

      1. Ahahahahahah oddio sì, ti prego! Ti odieranno tutti, riceverai centinaia di defollow, ma io ti amerò. Il mio like ne varrà 7milioni.

      2. Ahahah “gambero bloggaro”, ma puoi?! Ma possono le gggenti defollw uno che sforna certe perle di saggezza?! Non ci credo, via! Stai vittimizzando, non c’è essere umano, pianta o sasso che non ti ami.

      3. Beh, non direi… comunque sia è vero. Perdo più follow di quanti ne riesca a ricevere. Cioè, me ne sono accorto solo perchè mi arrivano le notifiche dei nuovi follow, ho aperto oggi le statistiche dopo un po’ di settimane e ho visto che praticamente… sono sceso!!! ahahahahahahahahahahahahah

        Spettacolo.
        Chi mi ama, mi segue. Gli altri sono molto molto più saggi 😀

      4. Ma quando stanno per andare via, dai loro un bigliettino da visita e mandali da me!! Che praticamente ci sono le balle di fieno secco mosse dal vento!

        Ah, quindi io sarei cretina? Guarda bene che ti sta per arrivare un altro defollow. ;P

      5. Ah ma no… prossima volta faccio un post di pubblicità per te 😀 così vedrai come li vedi scendere e non ti lamenti più della stasi 😛 ahahahahahahahah

        No no… stavo dicendo che c’è della saggezza nel non seguirmi. Se cerchi un blogger serio e con le palle, guarda in giro 😀 ahahahahah

      6. No, i miei malcapitati non me li porterai mai via! Sono miei!!! Li ho legati stretti stretti, giù in cantina!

        Comunque li seguo quelli seri, ma poi chissà perché finisco a far salotto sempre con gli stessi: quelli conosciuti al manicomio. Sono più simpy. E soprattutto, in loro compagnia, io ne esco quasi normale, ahahah.

  1. Però pensa che c’è chi sta peggio di te. Io devo farmi 30 km per arrivare al lavoro (non a piedi) mi tocca mangiare in una specie di mensa che non è una mensa, sentire gente che si lamenta tutto il giorno…

    stai un po’ meglio ora?

    ahahahahaha

    1. Non molto… a parte la cosa della mensa che è terribile.
      Il fatto di lamentarsi no, non mi sembra sbagliato. Possiamo dire tutto, ma il lunedì è una giornata che viene indetta al lamento. Il lunedì è LA giornata del lamento.

  2. Allora. Prima di tutto: 5 km la mattina? Sei matto? Non abbiamo più l’età per fare certe cose. SAPPILO. Poi, in autunno (come in primavera) ci si veste a cipolla (a strati), invece voi uomini passate dalla maglietta al cappotto, non si fa.
    Ma non facevi l’insegnante di nuoto per pesci? Mi ricordo male allora.
    Mi spiace per il male al collo e e al ginocchio (sob). Ma potrebbe andare peggio. Potrebbe piovere. Piove?

    Faccio una previsione: ti sarai mangiato una bistecca da mezzo chilo, accompagnata da ottima acqua Bertier.

    1. Lo faccio ogni mattina e anche alla sera… praticamente mi sparo sti 10Km al giorno z piedi. Così, in simpatia ed ampio parcheggio.
      Io sono vestito tutto l’anno alla cippa di segugio… ci tento a caso e azzecco. Anche perché non ho vestiti estivi e non ho vestiti invernali, sono l’uomo mezza stagione ahahahahah
      Io insegnavo a parlare ai pesci 😀 e li moltiplicavo 😀

      Piove piove. Ed i dolori so chi me li ha augurati 😛

      Previsione sbagliata! Oggi era giornata di pesce. Tié

      1. Per Giove!! Sei ginnico, fai bene.
        Oggi non ci hai azzeccato eheh 😛
        Se moltiplichi anche le bottiglie di vino, ti invito alla festa di laurea, così risparmio ahaha 😀 😀
        Vuoi mica far intendere che te li ho augurati io?! Guarda che io sono brava 😀 😀

        Ammetto la sconfitta.

      2. Sì, cerco di tenermi gggggiovane 😀 ahahahahahah
        No, non ci prendo neanche a morire… ma a volte, rare, ci prendo.

        Ma io sono invitato a prescindere. Tu me l’hai già promesso 😀

        No no, non dico che l’hai augurato te… ehehehehe

      3. Anche io faccio molto sport, mi sposto dalla scrivania al divano, dal divano al frigo 😀

        Vero che sei invitato, infatti c’era della retorica nella mia frase eheh 😀 Forza, hai ancora un paio di settimane per pensare al regalo ahaha 😀

        Ah meno male 😀

      4. In realtà non è vero 😀 Vado a correre tutte le sere. Tiè 😀 Dopo mi mangio la frittata di cipolle e mi bevo un vinello, ovvio.

        Ma va va vaaa 😀 Ti invito perché la festa sarà quasi sicuramente in discoteca (sob, sigh e vari improperi), quindi il tuo ambiente naturale 😀

      5. Ahahaahahahahahhahaah. Sei furba eh! Ti tieni in forma. Brava, per la frittatona ovvio.

        La discoteca è un po’ il mio secondo ambiente sì. Una seconda casa dove mi sento a mio agio ahahaha

      6. Si, ma a parte quello non faccio niente, sia chiaro. Le frittate sono il mio piatto forte 😀 😀

        Lasciamo perdere la discoteca, ma sono l’unica laureanda che vorrebbe andare da un’altra parte, quindi si farà la festa in discoteca. Ma tanto sarò ubriaca eheh 😀

  3. Ma come ti lamenti…..io parto alle 6,40 da casa che è buio che non si vede un c…actus, allora che dovrei dire???? Ma và và….sei sei così noioso adesso figuriamoci andando avanti….. _P

    1. Puoi lamentarti 😀
      Guarda che il lunedì mattina è la giornata mondiale del lamento. Non puoi esimerti. Potrei partire di casa anche alle 10.30 di mattina per il lavoro, ma mi lamenterei comunque. Non posso farne a meno 😀

      Noioso io?! 😀

      1. No no….a parte gli scherzi, mi sono imposta di non lamentarmi più per il fatto di andare al lavoro.
        Noioso tu?…..questa volta! 😉

      2. allora sei un libero professionista……e comunque qualsiasi cosa fai non lavori gratis, quindi il discorso non cambia 😛

      3. Eheheheheeheh.
        Per una volta nella mia vita ho vinto contro una donna!!!! Cioè, non ho vinto… si è ritirata 😀 ma la prendo come vittoria morale ahahahaha

      4. ma dai si scherza 🙂 però è vero, al giorno non ci si può lamentare quando si ha un lavoro….

      5. In realtà, mi duole dirlo, era una correzione alla mia frase sopra ahahahahahah.
        Comunque no, non ci si lamenta di avere un lavoro… ci si lamenta del lavoro, ben diverso.

      1. La domenica pomeriggio è come la pubblicità prima di un cinepanettone.
        Senti che sta arrivando il male…

        Il lunedì del lunedì è il lunedì mattina (ho detto abbastanza volte lunedì?!)

  4. A dispetto di quel che si possa pensare il lunedì è il giorno in cui meno persone si suicidano.
    Il lunedì è il giorno in cui l’industria del porno lavora di più!
    Le fonti sono facilmente rintracciabili.
    Se le due cose abbiano un nesso, davvero non lo so!

Si!?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...