Se aggiungessi ai cinesi volanti un camion…

* Mutatis Mutandis – sto decisamente più fresco adesso *

Ti svegli alla mattina, sai che il giorno promette il meglio per te e, probabilmente, ha in serbo una di quelle sorprese che ti faranno fare un’esclamazione di gioia tipo “Pofferbacco!” o “Perdindirindina!” e via dicendo. Il sole splende. Gli uccellini cinguettano e, porco demonio, hanno insozzato tutta la macchina. Ma proseguiamo con l’idillo. Ti fai un caffé. Guardi il giornale.
Ok, vaccate, in realtà stai aspettando sera perché c’è Grosso Guaio a Chinatown e tu sai che là, in un titolo che promette cinesi che volano, camion che rombano, scazzottate da paura, Kurt Russell che è bolso e tutto e di più della mente perversa di Carpenter, troverai la POESIA.

Foto di gruppo. Scoprite l’intruso

Già la copertina è una sorta di richiamo per intenditori. Kurt Russell nella divisa ufficiale del tarro metropolitano, la canotta bianca che tanto ha dato al personaggio di Bruce Willis, e poi: donne che si strusciano come trote nella vasca da bagno, fulmini, cinesi incazzati, pistole, armi e probabilmente un BANG, CIAFF, SBLERG etc etc che salta fuori perchè, se non si fanno due scazzottate in simpatia, non si è negli anni 80.
I combattimenti in strada, il recupero di qualcosa che potrebbe salvare il mondo creato da una delle distruzioni peggiori che la storia umana abbia mai pensato negli anni ’80 (perchè negli anni ’80 le distruzioni sono più catastrofiche e pacchiane di quelle pensate negli anni ’90… nei ninties c’era la moderazione), le donne che urlano e rimangono mezzo svestite. I cinesi che volano (non lo so, a me inquietano… sarà che quando vado a mangiare dal cinese, poi sento il pollo con le mandorle che ritorna in vita nello

Niente culi o tette. Solo raggi bluastri dalla bocca del cattivo

stomaco cantando: I Don’t Want to Be Buried… In a Pet Semetary!!!). I buchi nella trama, talmente grandi che ti verrebbe da far quelle battute di cattivissimo gusto tipo: un drogato si avvicina allo sportello della stazione per comprare un biglietto e chiede “vorrei un biglietto per Roma”, il dipendente, molto cortese, gli chiede “non ho capito, parli nel buco” ed il drogato, avvicinandosi l’intero del gomito alla bocca ripete “vorrei un biglietto per Roma”.

AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAH (ridete, sciocchi! Detto come lo dice Gandalf lasciando il film per millemila minuti e godendosi la faccia di Frodo “Mamma-mi-sa-che-me-la-sono-fatta-nelle-braghe” Baggins)

Ecco, i buchi nella trama hanno questo spessore, ma io non li vedo. Perché c’è la magia. Il soprannaturale. Il fatto che c’è una così alta dose di improbabilità da permetterti di rimanere sciallo, senza preoccupazione alcuna. Puoi anche permetterti di concentrarti sull’attività principale del maschio medio mentre guarda i film, grattarsi le balle. Il vero piacere della vita. Tu, un divano, un film, grattarsi le balle e, se è arrivato lo stipendio, la possibilità di comprarsi una lattina di birra dal discount (la famosissima birra Ottenbrungendzungendurergrinder – ci sono birre che vengono prodotte in città sottterranee della Grande Germania).

La donna più bella del film.

Se poi aggiungete che quel simpaticone di Carpenter aggiunge anche l’allegra compagnia dei birbanti pelosi, allora potete capire che un film come questo è quello che volete vedere a Natale. In famiglia. Con la nonna che vi sta sfrangiando la minchia per poter vedere i vari presentatori della televisione di Stato (perché è tanto carino, è tanto una persona perbene… sto stronzo che guadagna millemila euro al minuto). Ma voi, intrepidi come quando scoprite che la foto della ragazza per l’appuntamento al buio non corrisponde proprio alla versione 3D che avete di fronte ma andate avanti (anche perchè voi, stronzi, avete messo una foto di qualcun’altro spacciandovi per voi e, soprattutto, non vi siete levati quella lercia maglietta dei RATT che vi portate dietro dagli anni ’80.. vergognandovi come un cane), aprite la custodia del Blu-Ray e, inneggiando alla qualità dell’immagine, affogate i dispiaceri in questo film.
Godendo come un riccio su una paglietta di metallo.

Annunci

24 Replies to “Se aggiungessi ai cinesi volanti un camion…”

  1. Sei carico in questo periodo. Capolavori su capolavori recensiti con maestria.
    Inutile aggiungere altro, se non che non riesco a vedere la seconda immagine. Ma non so se è un problema mio o no. Chiedo per conferma.
    Comunque questo film l’avevo visto la prima volta da moccioso, e ho sempre desiderato rivederlo, pur non ricordando nulla della trama o delle scene. A parte una. Quella dove esplode quello che si gonfia alla fine. Impressa nel cervello come un’immagine indelebile fin dai primi anni di vita. Finalmente qualche anno fa, un mio amico che mi ricorda in tutto e per tutto te (dalla musica ai film), mi cita questa stupenda pellicola. (Ri)guardo il film e i ricordi riaffiorano alla mente.
    Che stupenda infanzia che ho avuto. Devo recuperare tutto ciò che ho visto, ma che non ricordo. Ora, questa pellicola mi ha fatto tornare alla mente “Il bambino d’oro” con Eddi Marfi!
    Vado subito a rivedermelo!

    1. Carico di stronzate sì! Grazie tiols, sai che questa comunanza cinematografica mi riempie d’orgoglio. Qua dentro tutti si guardano le retrospettive afgane e nessuno che abbia il coraggio di ammettere che ha visto anche qualche cagata micidiale tipo Occhio Malocchio etc etc…
      Non la vedo neanche io… rimedio subito… dannazione…

      Eddi Marfi sì che ha fatto dei film del minchia!! ahahahahahah

      Comunque ci sta riguardare questi film dell’infanzia, fa bene.

      1. Ahahahahaha! Adesso la mia giornata è stupenda! 😀

        Ps: divertente. Un mix fra American Pie e Animal House (riprendono certe cose in maniera imbarazzante ahahah). Ma solo che ci sono trentenni e non studenti del liceo. Un po’ prevedibile la parte dei dubbi pre-festa, ma dai, non male. Fino a quel momento aveva dei punti da ridere.

      2. Sì? Io ho visto molto di Animal House… ma forse è solo la parte Toga Toga…ehehehe.
        Dopo quel punto è ritornato ad essere abbastanza divertente, solo che ha messo anche la cosa emotiva… prima c’era la totale ignoranza 😀

Si!?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...