Diabolus in musica

Son risate quelle che sento? Con occhi cavi guardo il cielo d'autunno lasciando sanguinare quella parte del fianco che con perizia chirurgica ho intagliato fino a raggiungere il fegato, raccolgo fiotti di vita in coppe di legno. Da quaggiù mi confondo, sai? scambio lo sbattere d'ali dei corvi per risate. Con l'ago dell'anestesia nella mano ed …

King Nothing

Caro Re, come ti senti in questa giornata? Dov'è il mondo esterno che ti guarda correre rimanendo fermo? Io so che la solitudine della corona piega anche le montagne, mentre le folle adulanti intonano lodi e intrecciano vimini con mani stilizzate di fiori inconsistenti maturati all'ombra di un sole che non scalderà mai. Mio Signore, …

Una storia tonda

Questa è una storia tonda. Ha una morale, forse non è esplicita ma ce l'ha. Fidatevi. Ha un suo perché. Inoltre parla di matematica, di finanza e di equilibrio. Ecco, è una matematica storia tonda.  Un giorno, uno splendido giorno di primavera, un signore distinto entra in una cittadina (non ha importanza il nome della …

Thy Kingdom

Se le tue mani giunte fossero dei cavi d'acciaio la tensione che passa dal mio sguardo al tuo creerebbe un ponte elettromagnetico tale da accendere il gesto spento con cui getti i tuoi occhi nei miei. Sulle mani distese a ponte, fra lo spazio che separa il tuo respiro affannoso dal mio intonso silenzio, si vedranno …

Marcescente

Tessuto cicatriziale verticale, rossastro e dal bordo irregolare, un monte di dolore sovrapposto allo sterno, leggermente a sinistra del meridiano, ma guardando in giù tutto assume una prospettiva diversa. Con l'unghia scavi, torturando il rossore, toccando dove è scoperto dove senti più di più, dove provi emozione, delusione, orgoglio sfregiando in maniera conscia parti intatte, di ariosa …