Soundtrack of the day (13)

Mentre rifinisco nella mia testa un bel paio di cose da pubblicare (e non state con il fiato sospeso, mi raccomando), vi lascio con questa colonna sonora della giornata. Come sempre qualcosa di pulito, onesto, sincero, greco ed occulto. Ah, forse pulito no. Ecco… mi sono lasciato prendere la mano.
Perché questo, cari miei, è una canzone che proviene da un discone (KATA TON DAIMONA EAYTOY). Forse non il migliore in assoluto, ma per un gruppo che è partito negli anni 80 a registrare musica, arrivare al 2012 e produrre una bomba di questo tipo… tanto di cappello.
Visto che non mi piace vantarmi a “pene di segugio”, allora ringrazio quella vecchia corteccia di CJ che, nei tempi che furono (cioè quando era ancora giovane), mi ha introdotto a questa band passandomi un disco della Madonna: Triarchy of the lost lovers… e poi gettandomi in faccia i due dischi più “Paradise Lost-iani” della band. Quali? A Dead Poem e Sleep of the Angels.
Penso che non ci sia più mistero sul gruppo vero? Un vero caposaldo del mio ascolto (diciamo che girano spesso e volentieri, anche giornalmente) e che ho avuto la fortuna di intervistare, recensire e di scriverne una monografia autorizzata pubblicata sul sito web dove scrivo di metal.
Ladies and Gentleman…. please welcome… the Almighty…. ROTTING CHRIST!!!!!

Annunci

27 Replies to “Soundtrack of the day (13)”

  1. Sono sonorità che devo ascoltare in piccole dosi perché dopo un po’ mi fanno girare la testa, a parte questo il video si colloca tra GENIALE e MERAVIGLIOSO ed il fatto che siano greci fa acquistare dei punti! XD

    1. Eh, lo so. Sono sonorità leggermente estreme per chi non bazzica il genere 🙂 Ma, secondo il mio modestissimo parare, i Rotting Christ meritano l’ascolto.
      Il video è decisamente azzeccato (e tieni conto che in questa canzone cantano effettivamente in greco eheh).

      1. Infatti li ho apprezzati molto perché hanno dato un piccolo senso al mio diploma di liceo classico! 😛 ma mi hai fatto venire voglia di tentare un ascolto più approfondito 🙂

      2. AHahahahahah! Sono orgoglioso di aver dato un senso al tuo diploma classico! 😀 ahahahaha.
        Non so cosa consigliarti..mm… visto che bazzichi poco su queste sonorità (come hai detto), inizierei con album meno “estremi” e opterei per: Sleep Of The Angel e A Dead Poem. Meglio partire da qua. Sono più gotici e meno black/death metal 🙂

      3. Grazie per la dritta! 🙂 Credo di aver subito il trauma quando, essendo assolutamente ignorante, ho ricevuto una super lezione sulla storia del genere e spiegazione sulle varie categorie in un viaggio di ritorno da Firenze: quattro ore secche. Ho visto la Madonna svariate volte! XD

      4. Scusa, ci siamo mai incontrati?! ahahahahahahahahahahahah.
        Comunque non preoccuparti, capisco che se devi approcciare un genere estremo è meglio avere una piccola guida (ti anticipo subito che solo in qualche disco cantano in greco, il resto è un inglese decisamente maccheronico ma efficacissimo eheheheh).
        Ehhh, fai conto che io vedo la Madonna quando sento l’indie (spero tu non sia fan… se no è la gaffe del secolo ahahahah).

      5. Non credo, anche se è un peccato tu non ti sia mai incontrato con il fanciullo che ha cercato di educarmi!! XD tranquillo, niente gaffe: l’unico approccio che ho all’indie lo devo ad un gruppo di miei amici che lo suona, anche se sono effettivamente bravi! Quindi, per ricambiare del favore musicale, ti manderò il loro ep!!! XD

      6. No no, io dopo un pochino le categorie me le dimentico… ahahahah… comunque chi lo sa, potrei essere stato io il ragazzino ahahaha (scherzo, ormai ragazzino non lo sono da un bel po’ di anni XD).
        Ah bene.. no sai, io con l’indie ho un rapporto guttalax ahahahahahahahahaha 😀 😛
        Comunque apprezzo il pensiero e te ne sono grato 😀

    1. Ehhhh, qualche volta mi faccio prendere la mano e non capisco il genere preciso della persona a cui mando la musica (e tu, Oscura Signora, sei impenetrabile… ).
      Una canzone così? Perciò potrebbero andarti bene anche i Thou Art Lord? O i Septic Flesh? Tutti greci.. ovvio…

      1. Mio unico Dio, a parte il fatto che sono sommamente penetrabile per Te, ho da ascoltare per sapere e capire. Adoro tutto ciò che è ripetizione di un modulo, come nel minimalismo. Ascolterò.

      2. A la ripetizione… per questo ci capiamo mia Tenebrosa Signora. Il fatto è che bisogna andare a mettere mani ed orecchie nello stoner per uscire soddisfatti dalla ripetizione di partiture ipnotiche: Kyuss su tutti. Mia Signora, se non conosce, ascolti.
        Gli altri sono più estremi o più sinfonici, mescolano sapori orientaleggianti e mediterranei (logico, sono greci) e estremità. Nonché, per i Thou Art Lord, una sottile vena blasfema che, al sottoscritto, aggrada sempre.

      3. Mò mi faccio una cultura. Perchè, sai, quando qualcosa mi piace, io me la compro. Qualsiasi cosa.

        Uhm sta roba mi ispira cose da scrivere in uno dei miei altri blog. Uhm sì sì sì.

      4. Fai bene… i Rotting Christ sono una garanzia, per me. Gruppo eccezionale. Gli altri sono buoni gruppi, anche se i Septic Flesh, a volte, sono leggermente pesanti (un po’ noiosi.. ma buoni).

        Ti ispira?! Benissimo. Benissimo!

      5. Ps: per esempio, nell’estremo, la ripetizione può essere cercata qua dentro. Ah, il testo è decisamente per te (visto che è una parte della trilogia dedicata a Vlad Tepes).

  2. Ho sommariamente dato un’ascoltata a tutto ciò che mi hai segnalato e – pensa un po’ – i Septic Flesh sono i più interessanti per le mie orecchie, nonostante alcune banalità (peccato). Invece i Kyuss i meno interessanti, mi annoiano un po’. Thou Art Lord, carini, ho dato una passata veloce, ci tornerò.

    Io amo i suoni puliti (pensa te), le ripetizioni ossessive di moduli e/o le continue e inaspettate variazioni (soprattutto di tempi) e SOPRATTUTTO il passaggio da un tempo pari a un tempo dispari, le attese frustrate e l’atonale.

    1. Beh, i Septic Flesh sono belli. L’unica cosa è che mi abboffano leggermente la uallera in certi passaggi. Ma ho tutta la discografia, perciò li considero buoni (e le cover art sono decisamente ottimali).
      Mi dispiace per i Kyuss, uno dei miei gruppi preferiti in ambito di stoner. Ossessivi ma melodici, un desert rock muscoloso. Ma, logicamente, non possono piacere a tutti.
      I Thou Art Lord meritano. Ascoltali e vedrai.

      I suoni puliti? mmm… io preferisco la cattiveria dell’elettricità (ma non disdegno i suoni puliti – diciamo che, per quanto riguarda quello che hai scritto dietro… beh.. i Tool racchiudono quasi tutto).
      Devo ammettere che il gusto è particolareggiato e, tanto so che la mia curiosità rimarrà frustrata, ma mi verrebbe da chiederti in quali gruppi trovi queste cose… mi farebbe piacere saperlo, ad onor del vero.
      Anzi, potresti farmi te una compilation.. eheheh

      1. Hai usato la parola giusta: melodici, TROPPO melodici.

        Tool? Ho tutto.

        La tua curiosità nei miei riguardi rimarrà frustrata, così come la mia curiosità nei tuoi riguardi è frustrata. Te l’ho detto, mio Adorato Signore, amo le attese frustrate.

      2. Immaginavo che la mia curiosità sarebbe rimasta insoddisfatta! Ma un tentativo andava fatto no?

        Giustamente i Tool non potevano non essere nei tuoi ascolti, soprattutto con le caratteristiche che hai detto.
        Ma cose tipo Rush (ok, progressive anni 70, ma sono dove i Tool hanno preso ben più di qualcosa), i Death di The Sound Of Perseverance? Mi immagino di vederti sui Death… o forse anche i Meshuggah…
        Se ti piace il sound leggermente mediterraneo con partiture anche simil-prog potrebbero interessarti anche gli Orphaned Land… non malaccio.

      3. Vedi perchè ti amo?
        Nonostante la mia aridità di informazioni, la tua passione persevera nel fornirmi spunti e conoscenza. La tua passione mi nutre.

      4. Il fatto è che amo la musica. E poi quando ho spunti e accenni, divento curioso eheheh.
        Che poi i miei spunti siano commestibili è un’altra cosa, ovvio… potrebbero non piacere. Ma, almeno, sai perché non ti piacciono e non per “partito preso”.

Si!?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...