Ieri notte ho sognato un bagno di sangue in paradiso

Non posso sbagliarmi: sono seduto su un trono di legno e pelle. Sguardo fisso, verso la paura o verso l’orizzonte. Sarà una lunga notte. Qualcosa che cambierà per sempre. Il Capro e la Morte sono sopra la mia testa, un monito feroce alla caducità umana ed alla condizione quando spirerà. Sofferenza eterna. Dolore. Ed io ci sono seduto sotto. Fiero. Il dramma è alla mia destra, come altri segnali di morte alla mia sinistra. Sono il Signore di questo posto infernale. Sono colui che comanda, incontrastato. Io lo so che vorresti essere qua al mio cospetto, in mia presenza, ma non puoi. Non c’è posto per gente che si genuflette come te. Perché io sono in continua sfida, in una ribellione perenne. Non c’è mai Pausa per l’Indemoniato. E mai ci sarà. Una battaglia con zolfo, fuoco e dolore. Il dolore è la cornice, ragazze che urlano nei miei confronti, succubi, ectoplasmi di persone che, un tempo, calcavano la terra con passo fiero. Petto in fuori e dolore nascosto in borsetta, panico in pillole. Fantasmi di una vita che fu.
Ma vieni avanti te, Uomo dei Miracoli. Continua a predirmi il futuro. Continua a raccontare che sarò dannato, che sarò all’Inferno. Io ci sono già dentro ma tu mi raggiungerai con la tua ipocrisia. Io sono qua ad aspettarti, ma almeno sono sincero su quello che ti aspetta. Tu menti e racconti. Sono le mie parole ad uccidere o le tue promesse mai mantenute? Domandatelo quando, un giorno, ti troverai nel tuo con il cuore in mano ed invocherai colui che non ti risponderà.
Ed io sono sempre qua e sempre sarò. Anche quando tu, Figlia del Demonio, cercherai qualcosa che non puoi trovare. Io sono qua. Perché tu in realtà non desideri quello che stai chiedendo. La tua bocca parla un linguaggio che il tuo cervello non ha mai formulato. Non vuoi entrare in contrasto con me, non vuoi sapere qual’è il mio potere. Il fatto è che ho il potere di mille demoni. E la malvagità di Legione e che ho piantato nel cuore degli uomini. Anche in quello che porti nel tuo petto Pazza Ragazza. Anche nel tuo. Non preoccuparti.
Mi avete costretto, mi avete incatenato e, alla fine, mi avete gettato nel pozzo più profondo. E sto parlando di un posto tanto metaforico quando fisico. Nel centro della terra e nell’oscurità del vostro petto, dei vostri sogni nascosti. Io sono. E, come sempre, Distruggerò Tutte Le Regole che sono state create. Le spezzerò in due, sputando su ciascuna il veleno del vincitore.
Ed è da questo Bagno di Sangue in Paradiso che io guardo il cielo. E lo vedo bruciare. Tutto il tuo dorato castello è in fiamme. E tu bruci in esso. Lo sapevi che non dovevi confrontarti con me. Lo sapevi che la Prima Grande Ribellione non era che una prova. Un tentativo. La prima teatrale di questo grandissimo spettacolo che è la fine dell’umanità. Danzatori Tatuati dalla benedizione divina. Burattini nelle mani di un burattinaio stanco. Preoccupato a guardare altro. Ma io so come tranquillizzarli, so come lasciarli sopportare tutta questa indifferenza che ti porti nel cuore. Ho dato i sogni che tu hai tolto. Ho lasciato le vie di fuga ad una vita monacale, ad un futuro incerto. Io ho lasciato che siano nel presente, qua ed ora. Adesso. Ho dato quello che tu chiami il Demone dell’Alcool. Tu lo chiami demone, io lo chiamo martello che colpisce le catene della schiavitù. Tu lo chiami accecante, io lo chiamo binocolo verso la vita tranquilla. Via di fuga. Riposo.
Perché, e fidati quando te lo dico, io sono il loro Eroe. Mentre tu sei seduto sul tuo scranno d’oro e guardi e non partecipi, io sono in mezzo al fango. Di fianco alla disperazione. Una mano sulla spalla del caduto ed una risata verso il sole splendente. Io sono la notte che riposa. L’Eroe che si vede. L’Eroe che si acclama.

Ispirato a questa canzone QUA

Annunci

41 Replies to “Ieri notte ho sognato un bagno di sangue in paradiso”

  1. Mi hai rubato l’idea! Anche io avevo pensato di fare una cosa simile, anche se in questo momento non mi ricordo la canzone. Comunque m’è piaciuto un sacco! Bravo!

    Vedo che infastidirti sta diventando sport nazionale. Me ne compiaccio!;)

    1. Grazie mille!!! In realtà l’idea non mi è venuta unicamente ascoltando la canzone, ma direttamente guardando la cover art del disco, sentendo la canzone e leggendo la tracklist ahahah. Un mix malefico 😛

      Attendo il tuo allora 🙂

      Già, cercano di infastidirmi, ma io sono zen 😛

  2. Ennò! E non mi fare così dai…

    Mi si mozza il respiro, mi si accelerano i palpiti…
    Adesso mi toccherà uscire e vagare nella notte, tra le ombre. Mi vengono i deliri di onnipotenza, l’occhio da folle e tutto l’ambaradam palloso che non mi fa dormire.
    Ma scrivi, cheneso…un bel post romantico, tutto trallallero, un bel video con la Pausini. Qualcosa per cui possa disprezzarti insomma.

    1. Un post romantico, tutto cuoricini, muffin e cioccolatosità?! Un post Pausini incontra glicemia?! Guarda che provo a farlo e te lo dedico eh? Guarda che se mi spingi in quella direzione mi metto i guanti, la mascherina anti-gas e spalo nel letame delle canzoni ignobili e della bontà d’accatto!!! Ti avverto.

      Comunque sia Ozzy risveglia sempre sentimenti grandiosi (anche con album non propriamente sopraffini come questo… ehehehe… che ho anche in vinile dio bo… ahahahahah… sono malato)

      1. mh, non lo so.
        mi fa un pò impressione.

        troppi capelli forse, nerissimi, sembrano un pò dei fili di ferro. per me li ha pure complicatissimi da pettinare.
        però non lo so.
        mi fa impressione.

        allora ora me lo scrivo in un post-it sul picci;
        zeus mi ci vuole sempre bene, a me.

      2. Dai, se lo guardi nel pieno della stagione anni 80 si faceva anche le foto vestito da massaia. Fa tenerezza.
        Il capello a fil di ferro mi è sconosciuto.. ma mi fido sulla parola per la difficoltà. Provare con la lima? Un saldatore?! Non so… forse fa il suo effetto.

        Scrivi scrivi sul piccì, è sempre meritaterrimo.

      1. Non sono nemmeno un fan di Ozzy ma quella canzone la conosco perché parla di Manson e della strage che ha compiuto, un episodio che in passato mi ha colpito parecchio.

      2. Allora i complimenti sono bis! Io sono un fan di Ozzy (e Sabbath) e questa canzone è particolare. Tieni conto che non è neanche il mio album preferito, anzi… ma ha il suo appeal.
        La strage di Manson ha colpito parecchio anche me (avevo preso un libro a riguardo…)

      3. Forse sto dicendo una cazzata ma credo sia uno dei suoi album migliori. Però, ti dicevo, non sono un suo fan anche se anni fa apprezzavo il personaggio.
        Che libro avevi letto?

      4. Stasera stessa provvederò a farmi una cultura! Torrent permettendo. Al prossimo post su Ozzy sarò preparato.

        Grazie per il libro. L’argomento, soprattutto per tutto il materiale (canzoni, libri, citazioni, video, ecc.) che ne è nato negli anni in un certo senso mi affascina. Tanto quanto il disprezzo per un uomo del genere, Manson chiaramente.

      5. Prova, se hai bisogno di qualche info, beh, sai dove trovarmi 🙂 ma se vuoi Ozzy al meglio, procurati i primi 6 dischi dei Black Sabbath… la si che era al meglio.

        Figurati. Un piacere. Tutto quello che ha circondato Manson non lascia indifferenti. In America è un demonio, la fine della bella vita hippy, del sogno di Pace&Amore. No ha fatto la più grande strage americana (di questo gli USA sono floridi eh), ma è quello che, volente o nolente, è entrato di più nell’immaginario. Strano comunque.
        Senza risultare cinico o bestiale, ma, in confronto ad altri assassini/killer e via dicendo, non ha ucciso molto. Mi spiego: il clown, l’assassino del Green River e via dicendo sono stati più letali. Manson, di suo, non ha ucciso… ma è quello che è definito senza remore il Demonio.

      6. Prendo nota.
        Assolutamente d’accordo su Manson. La sua immagine demoniaca nasce più dalla capacità che ha avuto di plagiare le menti e guidarle al male, attraverso un’intelligenza deviata ma acuta, cosa persino più paurosa del compiere personalmente un omicidio.

      7. Se hai altre richieste, sono a tua disposizione 🙂

        Per quanto riguarda Manson si, era un affabulatore, un demoniaco santone (se già pensi che il nome, Manson, Figlio dell’Uomo, è stato uno dei motivi su cui ha fondato il suo culto della persona).

      8. Sì, ho letto tanto su quella storia.

        Di musica parleremo sicuramente. E’ una passione comune, anche se forse per generi diversi. Intanto parto dai consigli che mi hai dato.

      9. Non vedo l’ora Topper, se c’è un argomento che mi appassiona è proprio la musica (ma non solo.. ehehe).
        Posso chiederti che genere o band ti piacciono? Così, hai suscitato la mia curiosità…

      10. Direi che amo il rock, in tutte le sue forme, derivazioni e deformazioni. Mi piace molto quello degli anni 70 del quale apprezzo quasi tutto.
        Però tra i miei gruppi preferiti, oltre ai Led Zeppelin o i Clash, metterei anche quelli dai generi un po’ diversi come Pink Floyd, Metallica, Radiohead, Ramones, Arcade Fire (che ho scoperto da poco). Soprattutto sono un grandissimo fan dei Pearl Jam.

      11. Beh, allora caro Topper, abbiamo più cose in comune di quanto pensi!
        Amo profondamente il rock anni 70, amo i Led Zeppelin (anche se preferisco i Sabbath…) e Pink Floyd, Metallica, Ramones sono nei miei ascolti (eheheh). Clash un pochino meno. Gli Arcade Fire è un dilemma… non ascolto la musica indie.

        Ma, soprattutto, sono un grande fan dei Pearl Jam! eheheheh

      12. Dei PJ potremmo parlare per giorni. Ti dico solo che ho l’omino di Alive tatuato su una gamba. Li andrò a vedere ad Amsterdam e poi (cazzo, cazzo) ho già il biglietto per Trieste ma è lo stesso giorno dei Rolling Stones… Non so cosa fare!
        In questi giorni comunque Pink Floyd a ripetizione. Proprio ieri mi è arrivato il vinile di The Dark Side…

      13. Benissimo. Amo i Pearl Jam (e con amare significa anche criticare quando i brani non mi piacciono… questo lo dico per correttezza… molta gente non capisce che se apprezzo un gruppo non significa che devo venerarlo con la benda sugli occhi) e quando vuoi parlare della band, si può fare eheheh!
        Io non sono riuscito a prendere i biglietti per il concerto (Milano o Trieste).. troppo lento dannazione! I Rolling Stones sono uno dei grandi del passato che mi manca!
        Grandi i Pink Floyd.. .io ultimamente sono su De André e altre cosette, ma i seventies non mancano mai nella mia ricetta…

      14. Non apprezzo particolarmente i Rolling Stones ma hanno ottant’anni l’uno e vengono in Italia… Quando ricapiterà? Penso che ci proverò.
        Di musica e altro potremo parlare magari al Ritrovo, davanti a qualche birra!

      15. Dannazione, io, al 99%, al Ritrovo non ci sarò!!!
        Concordo sul vedersi i Grandi Vecchi finché sono in giro… per certe band ogni lasciata è persa…

Si!?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...