Soundtrack of the day (10)

[…] My negation
Will you know my name?
And sense the danger coming
My negation
Can you see my face?
What’s to become of me? […]

Non avete mai sentito quel fremito elettrico che percorre l’oscurità della vostra mente? Un sibilo, una risacca oscura dei vostri pensieri?

[…] everything I want is in the end of this
everything I need will be the end of me […]

Masticando amaro. Un dolce ricordo. Un velenoso monito di insoddisfazione, di incapacità, di inadeguatezza. Ma allora dove vado? Dove mi metto in questo mondo, sotto la scure del fato? Rannicchiato nell’angolo buio, lontano dal caldo sguardo di un Dio benevolo, puoi allungare le mani per tracciare solchi sulla polvere. Che spariranno con l’ultimo refolo di vento di questa serata. Di questo giorno di sudore e sangue. Sarà allora che da prono ci sarà il movimento, l’alzarsi in ginocchio e toccare la polvere diventata fango amaro impastato dalle lacrime. Tracce di unghie sulla pelle del mondo. Il capo chino, arrossato, si alza urlando:
La mia contestazione.
Il mio rifiuto.

Annunci

21 Replies to “Soundtrack of the day (10)”

    1. Beh, immaginavo… ehehehe… la voce è la cosa che mi piace di più. Lui è uno dei miei cantanti preferiti (growler per la precisione… riesce a trasmettere tantissimo con la sua voce, il suo timbro.. ).

      1. avevo una compagna di classe che mi faceva dei cd perché era appassionata di questa musica e devo dire che alcune cose mi piacevano davvero!!! Voleva portarmi al lato del male anche lei… però non c’è riuscita proprio del tutto eheh

      2. Ehhhh, questo è il motivo… perché ti diceva che questo è il male. Non è vero… è solo uno degli aspetti, una sfaccettatura di splendore! 🙂

      3. reietto

        reiètto part. pass. e agg. [dal lat. reiectus, part. pass. di reicĕre «respingere, rigettare», der. di iacĕre «gettare»], letter. – Respinto, sempre in senso fig., di persona a cui nessuno concede assistenza o considerazione; con valore chiaramente participiale in frasi come un infelice r. da tutti, r. dalla fortuna; con uso sostantivato: soccorrere i r.; i r. della società; sentirsi un reietto….
        dal vocabolario Treccani.

        tu sei tutto il contrario :3

  1. Sire, arrivo di soppiatto nella notte a carpirti il bello.
    Fino ad ora con Lady Gaga nelle orecchie, no, non per mia scelta. Io monto e basta.
    Ma poi giungo qui, nella tua dimora oscura, sgusciando tra corridoi e sotterranei e tu mi fai trovare questo…

    1. Ecco, su una cosa puoi stare certa cara Tilla, musa delle notti oscure: la musica che trovi qua potrà non piacerti ma è di gran classe! 😉
      E poi, diciamocelo, i Dark Tranquillity (e My Negation) sono fighi, ma fighi forte.

  2. molto alternativo questo genere di musica e soprattutto un valido mezzo per svegliarsi e schizzare fuori dal letto a tempo di record 😀

    1. Immaginavo non fosse proprio il tuo di genere musicale… leggermente troppo “ruvido” e “vibrante” eheheheh. Sicuramente da la sveglia eh, questo non lo posso negare 😉

Si!?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...