Un verde grido di dolore

Salve a tutti,
oggi vorrei smettere con i post ignoranti e caciaroni e fare un post serio. Una volta nella vita ci sta, un post di interesse umanitario ed ecologico.
Ricevo, negli ultimi tempi, tantissime mail che hanno un tema comune e questo, sinceramente, mi ha fatto salire un groppo alla gola. Dopo una prima mail leggerina e molto superficiale, le altre che mi sono arrivate hanno denunciato una preoccupante tendenza distruttiva e violenta. Questo irruvidimento delle tonalità, questa disperazione crescente mi ha toccato profondamente e perciò, cari i miei lettori, voglio parlare di questo grosso problema: la violenza sulla frutta e verdura.
Sempre più spesso innocenti verdure e frutti vengono picchiati ed utilizzati per i peggio lavori. Sfruttati e maltrattati. Mi hanno scritto, spaventati e demoralizzati, una serie di ortaggi (come zucchine, melanzane, carote, patate o altre che, adesso, mi si stringe il cuore a scrivere) e della frutta (sfortunatissime banane, angurie, dei simpaticissimi kiwi…) chiedendo una mano. Chiedendo, per una volta, di avere una voce. Di essere il portavoce di chi, la voce, non ce l’ha.
Per questo motivo voglio levarmi, serio ed imponente, e denunciare gli abusi su verdure e frutta. Smettetela. Anche delle carote hanno dei sentimenti. Anche delle banane vogliono vivere serene. Non vogliono essere picchiate, fatte a fette, inserite in ogni dove, solo per puro divertimento.
Ho fatto ricerche e sono sicuro di aver toccato solo la punta dell’iceberg di questo inquietante crimine.
Lasciate vivere in pace gli ortaggi. Permettete alla frutta di godersi il giorno dopo senza essere maltrattata o abusata da persone cattive e malefiche.
In natura nessuna frutta o verdura provoca del dolore, gratuito, ad altre specie di frutta o verdura. MAI. In nessun caso. Sono rispettose. Hanno una morale. Solo l’uomo ha questa tendenza sadica e violenta. Solo l’uomo le sfrutta per i propri fini malvagi e perversi.
Siate più dell’uomo medio. Siate superiori.

Perciò, cari lettori, fate sentire anche voi il grido di denuncia di questo sfruttamento.

BASTA ALLA VIOLENZA SULLA FRUTTA. STOPPIAMO IL PESTAGGIO DELLA VERDURA! 

Le seguenti immagini potrebbero essere molto forti. La visione è sconsigliata per i più deboli di stomaco.

Carote shockate dalla violenza
Banane maltrattate
Melanzane brutalizzate
Annunci

41 Replies to “Un verde grido di dolore”

    1. Lo immaginavo… ma questo, caro mio, è solo la punta dell’iceberg. Ci sono carote maltrattate, zucchine che hanno un futuro distrutto… io non so cosa fare.

      Comunque sei una persona malvagia!

    1. La terza era… fortuna che non hai capito i doppi sensi 😀 ahahahahahahaah

      Comunque in verità era una campagna a difesa della verdura… perciò:

      salva una pianta, mangia un sasso! 😀 ahahah

    2. Ho anche letto male la tua seconda reazione… scusa, leggo veloce… hai ragione 😀 io la conoscevo come salva una pianta, mangia un vegano…
      I vegetariani mi stanno anche simpatici 😉 eheh

  1. “inserite in ogni dove”…sai che solo questa frase meriterebbe un post che raccoglierebbe centinai di contatti?
    Comunque ammetto le mie colpe…mi hanno dotato di un apri anas che utilizzo con grande godimento. Spero tu possa perdonarmi.

    1. Ma sai che sei l’unico, fino ad ora, che ha notato, in mezzo ad una serie di frasi, il mio ghigno molesto?! 😀 ahahahahahah. L’UNICO 😀 eheheh

      Lo so, le torture sugli ananas sono feroci. Ma fai come i nuovi difensori della frutta e verdura:

      SALVA UNA PIANTA, MANGIA UN SASSO

      l’alternativa più cattiva è:

      SALVA UNA PIANTA, MANGIA UN VEGANO

      ahahahahaha

    1. Va bene… se sei penitente, puoi uscire e dovrai fare:
      – due cosce di pollo
      – costine di maiale
      – un piccolo arrosto di vitello

      Il tutto da ripetere due volte. Poi il peccato sarà levato dal tuo spirito 😀

      Vai in pace! 😀

      *amo quando divento liturgico*

      1. grazie per l’ospitalità, anche se da gran cafona stavo già spulciando senza il tuo benvenuto XD
        accetto con piacere qualcosa da bere, della buona musica , e qualcos’altro di “serio” da leggere..l’importante è che tu non mi offra frutta traumatizzata. 🙂

        S.A.

      2. Ma figurati, un piacere! Hai fatto benissimo a girare da sola, sai, come Re degli Dei (ehehe) sono impegnato con le loro stranezze 😉 eheh.
        Serviti pure sia per la musica (se hai bisogno di qualche suggerimento, alza la mano e chiedimi pure) che per il resto (per le letture puoi trovare sotto racconti o nella categoria Book For Travelers).

        Niente frutta traumtizzata 😀

    1. ahahah… non preoccuparti, non mordo e Napoleone è appena uscito dalla stanza. Rimaniamo solo io, Leonardo e Caligola 😉 [sto scherzando!! – lo dico prima che mi prendi un colpo]

      Beh, se vuoi chiamarmi prima fai pure… ma se desideri tenere la mano alzata prego 😀 chi sono io per negarti questa cosa?! 😉 😛

Si!?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...