Soundtrack of the day (5)

Perché oggi ci sta qualcosa di più muscolare ma che non dimentica la melodia. Ci saranno i puristi che stringeranno le chiappe e le labbra ed i nuovi che, forse, approveranno, ma sicuramente è una cover ben fatta. E poi declama la vita on the road, l’essere sulla strada, il cantare e suonare. La musica nel cuore. Come professione. Come passione.
Per questo motivo oggi metto questo, perché prima o poi, in un modo o nell’altro, bisogna girare pagina. Spero sia di buon auspicio. Lo spero proprio.

Annunci

16 Replies to “Soundtrack of the day (5)”

  1. O grande Giove, evochi ricordi di una tarda adolescenza ormai lontana. Qui molto bravi i quattro cavalieri. Penso di aver votato per loro almeno un paio di volte sulla scheda elettorale 😉

    1. Eh, qua c’è della buona musica. Molti “puristi” dei Metallica storceranno il naso a sentirla… loro li vogliono solo su Master of Puppets o, al massimo, su …And Justice For All come ultimo disco. Ma i quattro sanno suonare e dare una bella ambientazione!
      Perciò, per me, si può sentire 😉 ehehe

      1. Hai ragione da vendere, è una bellissima canzone. Comunque l’album per eccellenza dei 4 è il black album. Chi dice Master si ostina a non voler appende il chiodo al chiodo (questa sognavo di dirla da un po’) 🙂

      2. Mi piacciono i due dischi di cover che hanno fatto, nel primo ci sono delle chicche mica da poco 😀 Anche secondo me il Black Album è un Signor Disco. Logicamente sono affettivamente legato a Ride The Lightning e Master… ma il Black Album ha dei brani da urlo (e ti dico, anche Load non mi dispiace… ha dentro alcune cose interessanti – i successivi 3 sono da buttare nel cesso senza ritegno ahahah).

        ahahahahahahahahahahah, appendere il chiodo al chiodo 😀 ahahahahahahh ok. Mi hai tirato su di morale 😀

  2. T’ho visto che cercavi di vendere i Metallica come “heavy rock muscoloso” e non fare lo gnorri…
    Un giorno dirai di qualcosa: “Ma non è pesante, è un rockettino leggero da indossare come capospalla nelle serate estive un pò fresche”.

    1. Beh, come definiresti te i Metallica del periodo Load/Reload (e quando hanno fatto il secondo disco di cover)?? Non sono sicuramente thrash, hard rock è troppo leggero, metal si ma non propriamente detto… e allora mi sono concesso una definizione data dai Sabbath per la propria musica 🙂 heavy rock 😀

  3. Preferisco l’originale….di molto….Il fatto è che Bob Seger è una delle voci che amo di più, e la cover assume delle sfumature “dure” che rispettano il testo, per carità, ma la voce di Bob gli conferisce a mio parere maggior interpretazione senza affidarsi solo agli strumenti.
    Pure la cover degli stessi Metallica di “Whisky in the Jar” a mio avviso distorce troppo l’originale….non so….che poi a me loro piacciono da sempre… 🙂

    1. Il tuo commento ci sta. Anche a me la cover di Seger piace molto (ha un tocco che, con il “trattamento ‘tallica”, viene a perdersi). Quello di buono è che hanno fornito, comunque, una prova accettabile e rispettosa (ci sono cover che fanno venire da piangere).
      Whiskey in the Jar è una delle canzoni indefinite…. anche perché non si sa bene come dovrebbe essere l’originale eheheh.

      Grazie per essere passata Stephy! 😉

      1. Mah…WITJ è una ballata marinaresca irlandese…dovrebbe essere al di là di ogni cover 😀 però la versione dei Lizzy è quella con cui la identifico… 🙂
        Ciao a te!!

Si!?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...