Notizie dal fronte (lavorativo) – 4

Miei prodi, vi vedo affaticati ed infangati. Ma non demortete, l’orario della fatidica campanella è abbastanza vicino.
Come potete immaginare le giornate del “Dopo-Rientro” proseguono in maniera alterna, facendo tipo flipper fra momenti di euforia lavorativa a momenti di depressione totale (diciamo nella proporzione 1-10). Si arranca sfibrati da un continuo stillicidio di risposte negative, di incuranza nei confronti delle basilari regole di cordialità. Per questo motivo io sono colui che sussurra nel buio, colui che utilizza una moltitudine di parole per riceverne in cambio solo una, colui che conosce tutti ma non è conosciuto da molti. Sono colui che temete di sentire, di conoscere. Colui che chiamate quando siete disperati. Quando è l’ultima chance che vi rimane. E io vi aspetto con il machete. Sorridendo. Ma succede poco. Troppo poco.
Maschero il ringhiare dietro il sorriso e l’ira dietro la stretta di mano. Alla fine della giornata rimango a guardare numeri, parole e mail. Vuoti. O forse vuoto sei te che li guardi. Svuotato dal troppo concedere, dal troppo mostrare per poter nascondere. Il classico gioco delle tre carte. Qua vedi la donna, qua non c’è, sbagliato. Via i soldi. Ritenta. Qua c’è la donna, qua niente… Infinito. Asfissiando le persone con tonnellate di suoni e parole e, nello stesso tempo, rimanendo senza parole per il dopo. Con un rumore sordo nelle orecchie.
E così ti siedi mollemente sulla sedia, le mani che sostengono la testa e ti dici: “Bene, è ora di andare verso casa”.
Ti alzi, chiudi il PC e spegni la luce (sei l’ultimo).
La giornata è finita, andate in pace.

Annunci

14 Replies to “Notizie dal fronte (lavorativo) – 4”

  1. “colui che conosce tutti ma non è conosciuto da molti”, in realtà questa è anche una gran cosa. Dipende da come la guardi.

    Ma ogni tanto un bel vaffanculo lo esplichi? Per curiosità eh.

    1. Dipende da che lavoro fai (e non lo sto a dire in pubblico ahahahahaha). Comunque , per me, non è sempre un bene.

      I vaffanculo li esplico… sfortunatamente, per questioni lavorative, non alle persone che realmente se li meritano… se no sono “uccelli per diabetici” (cit.).

      1. Beh, ci sono dei margini di mistero anche per la mia personalità! 😀

        Eh, ecco, una cosa che, al momento, non posso permettermi… (smettere di lavorare e sfanculare a chi voglio…)

  2. Sempre caustico.. di sapore alchemico certi incisi.. E’ un ‘epica e ingloriosa battaglia la sopravvivenza a queste latitudini.. Ed io, come molti, attendo uno stipendio che ancora non si palesa per svariati motivi.. ma ora chiamo la capa.. con ferma convinzione. Perchè in fondo, se ci stimassero, ci tratterebbero altrimenti.

    1. Diciamo che l’aspetto caustico è prevalente questa volta… una piccola scintilla di veleno in ogni parola. Qualche volta manifesta, qualche volta più nascosta.
      Ah, i soldi sono uno degli argomenti nascosti… non voglio esprimermi oggi, troppo nervoso in giro!
      Concordo con la tua ultima frase… al 100%

Si!?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...