Diary of a dead man #10

L’ultima puntata di questi primi 10 capitoli di Diary of a dead man.

Music For Travelers

Il rumore della macchina era l’unico suono che si udiva. Non c’era niente. Nessun grugnito, nessun urlo. Erano mesi che cercavo di andarmene da quella città e non c’ero mai riuscito e poi, nel giro di un solo giorno, sono riuscito a scappare. Guardo alla mia destra e vedo Sara che dorme. La copro con la giacca. Metto la prima e andiamo verso il fondovalle. La strada è libera, pochissime macchine ingombrano la carreggiata. Tengo premuto il gas, sentendo il piacevole effetto dell’accelerazione e l’aumentare lento ma costante della velocità. Un brivido scorre lungo la schiena mentre gli alberi diventano via via indistinti e poi solo macchie colorate nella coda dell’occhio. Il paesaggio davanti a me è rigoglioso, tutte queste settimane di mancanza di attività umana invasiva, di distruzioni e lavori, hanno donato alle montagne ed ai prati uno splendore incantevole. Non c’è più neanche quella leggera patina grigiastra come…

View original post 928 altre parole