It was the best…

Non vi dico l’odio con cui mi sono svegliato stamattina. Anzi, visto che scrivo a ruota libera, ve lo dico, così, tanto per rendervi partecipi di una situazione incresciosa.
Mi sono alzato con il miglior articolo in testa, un post talmente geniale, talmente schietto e brillante da far impallidire quelli che avevo precedentemente scritto e, probabilmente, quelli che scriverò da oggi in avanti. Un articolo in cui venivano trattati senza peli sulla lingua problemi di natura ambientale (tema a me particolarmente caro e la cui paranoia è stata acuita in maniera drastica dal libro “Il Mondo Senza di Noi”, che consiglio vivamente a chi crede che le sue azioni siano prive di conseguenze) e politici (argomento che, sinceramente, non mi prende minimamente… non so perché… ma proprio non mi riesce a trovare in pista quando c’è da scrivere qualcosa). Esaminavo e confrontavo, portavo prove a mio favore e, nelle stesse righe, riuscivo a confutare e discutere abilmente sui vari temi con artifici dialettici importanti e divagazioni esaustive.
Ero riuscito a coniare, persino, un’aforisma sulla vita, una cosa come quelli che leggi dei Grandi Scrittori del passato. Quelle brevi frasi che avresti detto te se non ti fossi perso dietro a cercare della musica da scaricare. Ecco, una cosa di questo tipo. Vi assicuro che l’aforisma aveva un che di geniale, una brillantezza e una incisività che non avevo mai potuto desiderare. Il tutto, ovviamente, non era venuto fuori dal nulla, non era la frasetta da Baci Perugina, era stato levigato, intagliato, limato e reso solido e incontrovertibile.
Sapevo dove volevo andare a parare anche in materia ambientale, come ho detto. Il clima, lo sfruttamento terrestre e l’abuso di sostanza iper-dannose per il pianeta e per noi, il fatto che mancando l’atto semplice e normale di differenziare minimamente l’immondizia ci ritroveremo a mangiare pezzi di plastica nel pomodori futuri. Ci avveleniamo ogni giorno con calma e oculata sapienza suicida. Il problema è che queste frasi, per quanto forti e supportate dai fatti, non hanno minimamente la stessa forza che avevano nella mia testa questa mattina.
La colonna sonora era perfetta, malinconica e riuscitissima. Praticamente un’appendice dello stesso scritto. Ma, anche in questo caso, la canzone me la sono scordata e non c’è niente che possa fare per rimediare. Peccato.

Il vero problema, sapete, è che mi sono accorto che anche questo articolo, in effetti, non è altro che un piccolo tributo a quello che poteva essere e non sarà. Ma anche questo caso non c’è niente di innovativo… dannazione, e si che pensavo di aver fatto qualcosa di geniale.
Ah, logicamente, anche la colonna sonora mi sbeffeggia… me la sono cercata.

[Spoken]

This is the greatest and best song in the world… Tribute.

Long time ago me and my brother Kyle here,
we was hitchhikin’ down a long and lonesome road.
All of a sudden, there shined a shiny demon… in the middle… of the road.
And he said:
[Sung]
“Play the best song in the world, or I’ll eat your soul.” (soul)
[Spoken]
Well me and Kyle, we looked at each other,
and we each said… “Okay.”
[Sung]
And we played the first thing that came to our heads,
Just so happened to be,
The Best Song in the World, it was The Best Song in the World.

Look into my eyes and it’s easy to see
One and one make two, two and one make three,
It was destiny.
Once every hundred-thousand years or so,
When the sun doth shine and the moon doth glow
And the grass doth grow…

Needless to say, the beast was stunned.
Whip-crack went his Whoopy tail,
And the beast was done.
He asked us: “(snort) Be you angels?”
And we said, “Nay. We are but men.”
Rock!
Ahhh, ahhh, ahhh-ah-ah,
Ohhh, whoah, ah-whoah-oh!

This is not The Greatest Song in the World, no.
This is just a tribute.
Couldn’t remember The Greatest Song in the World, no, no.
This is a tribute, oh, to The Greatest Song in the World,
All right! It was The Greatest Song in the World,
All right! It was the best muthafuckin’ song the greatest song in the world.
[2-part skat]
[Spoken]
And the peculiar thing is this my friends:
the song we sang on that fateful night it didn’t actually sound
anything like this song.
[Sung]
This is just a tribute! You gotta believe it!
And I wish you were there! Just a matter of opinion.
Ah, fuck! Good God, God lovin’,
So surprised to find you can’t stop it.
[Skat]
All right! All right!

Annunci

20 Replies to “It was the best…”

  1. Capita che scappino, un momento prima era lì, un momento dopo non c’è più…
    Ma a te se ci teneva, tornerà… Tranquillo! 😀
    Buona giornata,
    Ila.

    1. Grazie mille Ila!
      Guarda, a volte è frustrante… e poi entra, in maniera subdola, quella canzoncina “Tribute” che mi sbeffeggia. Uno schiaffo morale 😀 ehehe
      Buona giornata a te!

  2. nooooooooooooo
    voglio assolutamente l’aforisma sulla vita
    mettiti a letto e cerca di ricordartelo
    ahahhaahah
    e non alzarti finché non ti verrà in mente 🙂 ok!!??

    *il video è geniale .. Jack Black è un grande, grazie per averlo postato avevo dimenticato che avesse un gruppo musicale ..

    1. Guarda, appena mi ritorna in mente lo scrivo, questo te lo giuro… l’unico mio dilemma, sinceramente, è che potrebbe essere talmente abbagliante da rubare la ragione 😉 🙂

      Grazie mille per i complimenti per il video, è un perfetto sparring partner per il mio articolo. Direi che lo completa in maniera perfetta 🙂
      I dischi dei Tenacious D sono geniali e divertentissimi

  3. Secondo me tutte queste cose che millanti di aver avuto in testa stamattina te le sei inventate! Ci dici che ce le avevi in testa solo perché così noi ci immaginiamo chissà quali cose stupende e quindi è come se le avessi scritte davvero.
    Buona strategia, ma io non ci casco, nonnò.

    1. “Dire la verità è sempre la politica migliore, a meno che ovviamente tu non sia un ottimo bugiardo”.

      Chi sono io per rubare i sogni alla gente?! 🙂

      “…Ci dici che ce le avevi in testa solo perché così noi ci immaginiamo chissà quali cose stupende e quindi è come se le avessi scritte davvero…” – Fantastica, comunque, se vuoi la risposta alla tua domanda, la canzone che ho postato è un’ottima risposta 😉

      1. Ottimo anche il secondo album, vero! 🙂 ma in termini di “mero voto”, il primo album per me è insuperabile. Ma anche The Pick Of Destiny è qualcosa di grande.

      2. L’ho ascoltato troppo poco per un giudizio, ma mi son ripromesso di dare un ascolto più approfondito nel prossimo futuro.
        Adesso, per lavoro da recensore, mi sto dedicando ai Carcass eheheh

Si!?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...